[df-subtitle]Mancini: Balotelli e Belotti esclusi? Sono valutazioni tecniche, non sono in forma. Sono giocatori differenti e fanno parte di questo gruppo, quando saranno al 100% non dovrebbero avere problemi a tornare[/df-subtitle]

“Dobbiamo fare meglio in Nations League, ma il nostro obiettivo è andare all’Europeo. Abbiamo giocatori di qualità e stiamo impostando un lavoro tutto nuovo. Balo e Belotti fuori forma. Mai parlato con Allan”. Queste le parole di Roberto Mancini in conferenza stampa. La Nazionale italiana gioca con l’Ucraina in amichevole a Genova, poi vi sarà la sfida a Chorzow contro la Polonia per la terza sfida in Nations League. L’Italia è pronta al doppio impegno e  Mancini continua – come riporta riporta Sport Mediaset –  rendendo chiaro il suo pensiero su:

[df-subtitle]Sugli infortunati Romagnoli, D’Ambrosio e Cutrone[/df-subtitle]
”Hanno avuto vari problemi fisici e sono tornati a casa. Stiamo convocando Tonelli della Sampdoria e Piccini del Valencia”.

[df-subtitle]Sull’attacco e la nuova posizione di Insigne[/df-subtitle]
”Insigne può giocare con qualità sia da esterno sinistro che da seconda punta. Quando un giocatore è bravo, è solo questione di tempo”

[df-subtitle]Il campionato sta confermando le qualità di Barella[/df-subtitle]
”Sta dimostrando delle qualità. Ha bisogno di tempo perché è giovane, ma sta facendo bene col Cagliari”.

[df-subtitle]Dopo le prime due partite in Nations League non sono mancate le critiche[/df-subtitle]
”Scrivete sempre le stesse cose sulla Nazionale. Abbiamo perso contro i campioni d’Europa e abbiamo intrapreso una strada non semplice. Abbiamo schierato tutti i giocatori a disposizione e abbiamo ricevuto critiche lo stesso. Con il lavoro riusciremo a mettere insieme una buona squadra con l’obiettivo di qualificarci all’Europeo. La Nations League è meglio delle amichevoli, ci mettiamo qualcosa in più con tre punti in palio. Poi se riusciamo ad arrivare primi bene, altrimenti amen”.

[df-subtitle]La riscossa europea delle squadre italiane e Giovinco[/df-subtitle]
”Ci fa piacere quando vincono, gli italiani hanno giocato. Giovinco ha 31 anni e sta facendo bene da diverso tempo, abbiamo bisogno di vederlo dal vivo dopo averlo seguito a lungo. Non ha avuto grosse opportunità, ora abbiamo deciso di chiamarlo”.

[df-subtitle]Balotelli e Belotti esclusi[/df-subtitle]
”Sono valutazioni tecniche, non sono in forma. Sono giocatori differenti e fanno parte di questo gruppo, quando saranno al 100% non dovrebbero avere problemi a tornare”.

[df-subtitle]Il problema del gol resta[/df-subtitle]
”A volte capitano situazioni così, poi la questione cambia velocemente. Abbiamo giocatori di qualità importante e non credo che questa situazione andrà avanti per molto. Cercheremo di vincere in Polonia”.

[df-subtitle]Obiettivo aumentare la qualità[/df-subtitle]
”Ci stiamo provando, dobbiamo sfruttare le caratteristiche dei giocatori con più tecnica. Speriamo di fare la scelta giusta. Proprio dai migliori ci si aspetta il salto in termini di personalità Non siamo andati al Mondiale e quindi un po’ di prestigio lo abbiamo perso. Speriamo di fare un ottimo lavoro, ma ci vorrà un po’ di pazienza. Meritiamo di avere altre occasioni, siamo qui per questo”.

[df-subtitle]Zaza preferito a Belotti[/df-subtitle]
”Non è questione di quello che voglio da un attaccante o dai movimenti che chiedo. Il Gallo non è in forma, lo abbiamo visto e crediamo che così possa recuperare il massimo della condizione e tornare a essere quello che conosciamo. Può essere deluso, ma non ci sono preclusioni, le porte sono aperte per tutti”.

[df-subtitle]Le prossime due sfide saranno Ucraina e Polonia[/df-subtitle]
Contro il Portogallo non eravamo al massimo della condizione. Ho molto rispetto per tutti, ma oggi è un po’ di verso. Il campionato mi dà degli spunti e certe situazioni possono essere portate in nazionale. Nell’ultimo raduno dissi a Insigne di non tornare troppo a difendere altrimenti perdeva lucidità, ora gioca da seconda punta che è una situazione ideale”.

[df-subtitle]Pericolo retrocessione in Nations League[/df-subtitle]
”L’unico problema potrebbe essere quello di andare al sorteggio per gli Europei rischiando di prendere squadre molto forti. Dobbiamo fare il massimo per arrivare primi
Allan in Nazionale Non ne abbiamo mai parlato”

[df-subtitle]Sulla simulazione di Chiesa[/df-subtitle]
”Valutando una partita bisogna capire lo stato d’animo degli allenatori. Lui può diventare uno dei migliori della Nazionale, ma deve lavorare. Anche ai nostri tempi qualcuno si buttava o cercava un rigore, ma ora si vede un po’ di più”.

[df-subtitle]Sul rapporto con i colleghi allenatori[/df-subtitle]
”Cerchiamo di avere rispetto di giocatori e club oltre che dei dirigenti. Non abbiamo problemi”.

[df-subtitle]La convocazione di Piccini[/df-subtitle]
”Penso che sia meglio per lui che giochi all’estero, almeno gioca e ha avuto esperienze diverse. Lo seguiamo da tempo e sta facendo bene, ecco perché lo abbiamo chiamato. Può avere un futuro importante e gioca in Champions”

[df-subtitle]Su Genova[/df-subtitle]
”Importante giocare una partita qui, speriamo di portare 24 ore di gioia alle persone che hanno subito questa tragedia per farle svagare un attimo”. Conclude Mancini.

 

Articolo precedenteItalia, Mancini: “Obiettivo Europei. Insigne può fare tutto, su Barella, Giovinco, Balotelli, Belotti e Allan…”
Articolo successivoGenoa, Preziosi: “Piatek? Migliore punta del mondo”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui