spot_img
HomeSerieAJuventusIntervista Platini: "Questa Juve mi ricorda quella del Trap, Vlahovic forte"

Intervista Platini: “Questa Juve mi ricorda quella del Trap, Vlahovic forte”

-

Michel Platini ha rilasciato un’intervista a “La Gazzetta dello Sport“. L’ex attaccante francese ha parlato soprattutto di Juventus, commentando il momento della squadra bianconera e il valore di alcuni dei suoi protgonisti.

INTERVISTA PLATINI: “QUESTA JUVE MI RICORDA QUELLA DEL TRAP, VLAHOVIC FORTE”

Queste le parole di Platini: Rivedo la Juve del Trap, questa di Allegri è la Juve storica. Con valori forti: un blocco concreto, unito. Una squadra che gioca in contropiede e segna di furbizia e potenza, vedi il gol di Vlahovic. Che si fonda sulla difesa, da sempre il suo Dna. Un tempo Zoff, Gentile, Cabrini, Scirea, poi la BBC più Buffon. Agnelli anni fa mi disse: Il problema sarà sostituirli”. 

Sugli attaccanti: Vlahovic? Non lo conoscevo, ma l’impressione è che sia davvero forte. Se segna sempre così… Dybala mi ha commosso e divertito quando si è steso sul campo come me nell’Intercontinentale. Gli ho fatto arrivare un messaggio. Bello vederlo giocare: forte, tecnico, mancino. Sivori, non Platini”.

Sulle critiche ad Allegri: “Ti adatti ai giocatori. E rafforzarsi non è facile, ci sono club che hanno più soldi. Rispetto al calcio inglese quello italiano è meno offensivo, ma in Inghilterra è tutto bello, stadi, pubblico, campo, tv, giocatori, poi arrivano in Italia e non beccano palla. A me non dispiace questa varietà, ci sono Guardiola e Allegri. Due squadre che si affrontano con il tic-toc sono noiose”.

Su Ronaldo: “Con tutta la stima per lui e Messi, io a 32 anni ho detto stop. Potevo andare al Barcellona, al Marsiglia, ma volevo essere identificato con il club con il quale avevamo scritto la storia. Ronaldo era il Real e Messi il Barça, io non sarei andato in un altro grande club, ma in Usa o Cina”.

Su un futuro nel calcio: “Ho 66 anni, non stringo più mani ipocrite, mi godo moglie, famiglia, nipoti. Nel calcio non ho più sogni. Forse mi piacerebbe impegnarmi per i giocatori, affinché prendano il potere nel calcio. Ci penserei su. Non rispetto Infantino e Ceferin, ma lo dico con leggerezza: facciano quello che vogliono, io sono fuori. Invece non perdonerò mai chi mi ha accusato falsamente e fatto uscire dal calcio. Hanno vinto ma io cercherò sempre giustizia”.

 

LEGGI ANCHE:

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisment -

Must Read

Mercato Lazio, passi avanti per Casale. Per Ilic si aspetta Luis...

0
Ormai da qualche giorno il mercato della Lazio sembra essersi improvvisamente sbloccato. I biancocelesti hanno messo in piedi diversi affari, soprattutto con il Verona....