Pedro, attaccante della Lazio, ha concesso un’intervista a “Il Messaggero“. Tanti i temi affrontati dall’ex Barcellona, compreso il suo discusso passaggio dalla Roma ai biancocelesti due estati fa.

INTERVISTA PEDRO: “FELICE ALLA LAZIO. MOU? NESSUN RANCORE”

Sulla Lazio“Mi sento a mio agio con questa squadra, con l’allenatore, lo staff, insomma dentro lo spogliatoio. E anche l’affetto dei tifosi mi fa rendere al top. Qui sto bene, mi sento amato. Abbiamo enormi margini di miglioramento. Il girone d’andata è stato buono, ma non abbiamo chiuso nella posizione che volevamo. Siamo ancora arrabbiati per la gara persa contro la Juve, ci rifaremo. Dobbiamo continuare così, ripartire subito e trascinarci l’entusiasmo di questo ritiro a gennaio. Molte big possono accusare le fatiche degli uomini impiegati al mondialenoi sfrutteremo ogni passo falso.”

Sul mercato: “Non lo so, ma questa Lazio è già forte così. Perché i nuovi acquisti estivi si sono ambientati adesso, sono cresciuti sia a livello di mentalità che dal punto di vista sportivo. Questo è un bel messaggio sia ai nostri tifosi che alle altre concorrenti del campionato.”

Su Luka Romero“Deve mantenere questa voglia di arrivare a ogni costo e non fermarsi mai. Siamo compagni di camera, io ci parlo parecchio. Ha la mentalità giusta perché entra in campo, anche pochi minuti, e vuole sempre spaccare il mondo. Lo avete visto contro il Monza, ha fatto gol, si è mangiato la porta e ha regalato 3 punti fondamentali alla Lazio. Deve continuare così quest’anno, crescere ancora perché può diventare un campione in futuro“.

Sul rinnovo: Non ho mai detto che andrò via. Non è questo però il momento di parlare di rinnovo. L’ho ribadito anche al presidente negli ultimi giorni. Non voglio deconcentrarmi. Nei prossimi mesi l’obiettivo prioritario è raggiungere la Champions in campionato. Poi vedremo che faremo anche in Coppa e in Conference. Abbiamo enormi margini di miglioramento. Il girone d’andata è andato bene, ma non abbiamo chiuso nella posizione che volevamo. Siamo ancora arrabbiati per la sconfitta contro la Juventus. Ora dovremo trascinarci l’entusiasmo di questo ritiro a gennaio ed essere pronti a sfruttare qualunque passo falso delle altre”.

Su Milinkovic-Savic: “Sergej è qui da otto anni e mi auguro che rimanga ancora a lungo. Ci ho parlato, ma non so che deciderà, quale sia la sua ambizione. Queste decisioni ognuno le sente e le prende guardandosi dentro. Qui non è uno dei tanti, i tifosi lo considerano un idolo. A me piacerebbe che continuasse a vestire la maglia della Lazio, per aiutare la squadra a crescere di anno in anno, ma non so cosa sceglierà lui quando sarà il momento decisivo. Sergio ama la Lazio, senza dubbio. Lo ha dimostrato sempre e in ogni stagione ha fatto benissimo. Non a caso, è uno dei migliori in Serie A”.

Su Luis Alberto: “Luis è tranquillo e sta lavorando bene, per noi è molto importante. Io gli ho detto che deve rimanere qui, perché ha la qualità per farci fare il salto. Non so se con il mister non parla o parla troppo, ma ora è concentrato sulla squadra e lo ha dimostrato col Galatasaray di lottare per il gruppo. Non so quali siano le sue intenzioni, né quelle della società. Io me lo terrei stretto”.

Sull’addio alla Roma: “Tutti sanno quello che è successo, la società ha preso la sua decisione e io sono felicissimo di essere approdato alla Lazio. Nessun rancore. E nei derby ho segnato pure contro: che c’è di meglio?”.

 

LEGGI ANCHE:

Articolo precedenteTotti: “Spalletti? Mi spiace sia andata così, vorrei riparlare con lui”
Articolo successivoMorte Mihajlovic, grave lutto nel mondo del calcio

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui