INTERVISTA KJAER – Intervistato dalla tv danese TV2, Simon Kjaer, pilastro della difesa del Milan, ha parlato del suo 2020:

Non sono mai stato cosi bene. Questo 2020, per me, è stato un anno positivo. Sono orgoglioso delle mie prestazioni“.

INTERVISTA KJAER – Il difensore danese ha raccontato del suo rapporto con il mister, in discussione prima della finestra di mercato:

Il primo giorno mi chiese come vedevo il modo di difendere e di come insieme avremmo potuto costruire una squadra. Mi chiese cosa avrebbe dovuto fare per mettermi nelle condizioni migliori possibili in campo e sentirmi a mio agio. Pioli mi ha dato fiducia e tutt’ora lo fa. È un fantastico e bravo allenatore, sia in campo che fuori. Ma la differenza è a livello personale, Pioli si interessa prima di come sto a livello personale e poi come giocatore”.

INTERVISTA KJAER Sembrava potesse sedersi sulla panchina Rangnick, ecco le impressioni del centrale rossonero:

“Io osservavo, ovviamente incrociavo le dita per la permanenza di Pioli. Era anche una situazione in cui non potevi fare molto, potevo solo andare in campo, vincere le partite e mostrare il carattere mio e della squadra. Per il resto potevo solo incrociare le dita, fortunatamente andò tutto bene.”

INTERVISTA KJAERL’ultima domanda riguarda il rinnovo di contratto, il diavolo è una dimensione che gli sta dando grandi soddisfazioni:

Manca ancora qualche anno. Sono nel posto giusto e mi piacerebbe rimanere qua per tutto il resto della mia carriera. Sono sicuro che se continuerò a giocare bene fino alla fine del contratto, il Milan mi rinnoverà ancora una volta.

LEGGI ANCHE:

 

 

Articolo precedenteOrsato premiato miglior arbitro 2020: Le parole di Gravina
Articolo successivoIordanescu, esordio da incorniciare. Il CFR vince e convince

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui