Milan, intervista Giroud: “Con Ibra ci sarà competizione vera. Il mio obiettivo è fare 15 gol”

Partito subito forte con una buona prestazione a Genova con la Sampdoria e una doppietta alla seconda giornata contro il Cagliari, Olivier Giroud ha avuto a che fare con un problema fisico. Dopo aver riscontrato la positività al covid-19, l’attaccante del Milan è rimasto fuori dai convocati per un dolore alla schiena avvertito in allenamento.

MILAN, GIROUD SI RACCONTA IN UN’INTERVISTA E SVELA: “OBIETTIVO SCUDETTO”

Ora però, rientrato (non ancora al top) con lo Spezia per 45 minuti, è carico per proseguire al meglio questa stagione. Il francese si è raccontato in un’intervista a Telefoot, nella quale ha parlato del suo arrivo in rossonero e dell’obiettivo Scudetto. Queste le sue dichiarazioni, riportate da Calciomercato.com:

“Quando ero più piccolo ero un tifoso del grande Milan di Papin, Van Basten e Baresi, per me era ovvio scegliere questo club ed è un orgoglio indossare questa maglia. Qui sono stato accolto come in una famiglia, ho fatto un ottimo debutto e ho fame di vittoria. Giocare titolare e divertirmi come nella mia prima parte di carriera è stata una bella sensazione, non avrei potuto chiedere di meglio. Ibra è un monumento, con lui ci sarà competizione vera. Se gioco tutte le partite, il mio obiettivo è di arrivare a 15 gol. Lo Scudetto? Ci spero. Abbiamo qualità, giovani e motivazioni giuste per vincerlo. E’ un obiettivo chiaro, netto e preciso”.

Milan, intervista Giroud

Infine, sulla Nazionale:

“Non so se abbiamo già superato l’eliminazione dall’Europeo, rimane ancora un po’ d’amarezza. Mi ha sorpreso non essere convocato a settembre, soprattutto perché non sono stato informato prima. Guardo avanti e rispetto le scelte”.

LEGGI ANCHE, AD ESEMPIO:

Pedro goal: É la terza occasione per un gol nel derby a maglie invertite

Infortunio Dybala Allegri: “Lui e Morata salteranno Chelsea e Torino”

Mercato Juventus Ramsey piace a tre squadre di Premier League

Articolo precedentePedro goal: per la terza volta, una rete in un derby a maglie invertite
Articolo successivoInsigne: “Il Napoli deve tenere i piedi per terra, la strada è lunga. La 10? Non si tocca”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui