L’attaccante della Cremonese Cyriel Dessers ha rilasciato un’intervista a “La Gazzetta dello Sport“. L’ex Feyenoord ha parlato dei suoi primi mesi in Italia, dove è ancora in attesa del suo primo gol con la maglia grigiorossa.

INTERVISTA DESSERS: “LA SERIE A E’ TOSTA. I MIEI GOL ARRIVERANNO”

Sulla Serie A: Sì un campionato difficile e avversari tosti per una neopromossa. Più duro di quello olandese e belga, ma lo sapevo. Anche per me, venendo da club abituati a lottare per il titolo, non sarà facile. Non ho ancora segnato ma ci sono andato vicino a Roma o col Sassuolo. L’anno in cui sono stato capocannoniere in Olanda avevo fatto un gol nelle prime 6 gare”.

Sulla gara con la Lazio: All’Olimpico sono andato vicinissimo a segnare e ho dimostrato di poter fare bene in Serie A. È un calendario tosto, la Lazio è forte ma ora siamo più solidi in difesa e se miglioriamo anche davanti possiamo dare la prima gioia ai nostri tifosi allo Zini”.

Sull’esultanza alla bandierina: Eh, lo spero (ride). L’ho fatta un paio di volte la scorsa stagione col Feyenoord e un paio col Genk in luglio. Sotto la curva grigiorossa sarebbe fantastico ma non vorrei focalizzarmi su me stesso, penso prima alla squadra e alle vittorie, poi i gol arriveranno”.

Sulle sue caratteristiche: Sono un uomo d’area. Lì posso fare davvero la differenza. Contro Roma e Atalanta, per esempio, ho fatto a sportellate coi difensori su palle vaganti o rilanci lunghi di Radu. Il prossimo step è cominciare a creare occasioni pulite da finalizzare”.

Sul titolo di capocannoniere in Conference League:  “Un titolo che mi ha riempito d’orgoglio, contro squadre e attaccanti top come Kane, Abraham, Milik. Ora però voglio iniziare a segnare in Serie A”.

Sulla Nazionale: Sono metà belga e metà nigeriano ma quando ho ricevuto la chiamata delle Super Eagles non ho avuto dubbi. Giocare per il Paese di mia madre è un onore. Che sogno la prima rete in nazionale quest’estate!”.

 

LEGGI ANCHE:

Articolo precedenteOlympiacos, è fatta per James Rodriguez: superate le visite
Articolo successivoInfortunio Calhanoglu, la nota dell’Inter

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui