[df-subtitle]Il tecnico dell’Inter, Luciano Spalletti, è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia del match contro la Juventus[/df-subtitle]

Come arriva la squadra – “Nel migliore dei modi. Da quelle che sono le analisi fatte in settimana traspare che siamo sia in ottima condizione fisica che mentale. Sarà sfida difficile, loro potranno giocarla con margine e quindi senza grandi tensioni. Dipenderà molto da noi”.

Gli errori da non fare – “Noi dobbiamo esibire la nostra mentalità, il nostro modo di allenarci e parlare. Quello ciò che ci dà un beneficio di essere professionisti e squadra importante del campionato. Loro sono fortissimi, non solo nella mentalità di Ronaldo, ma anche nei calciatori come Chiellini, Pjanic e Mandzukic. Noi dobbiamo esprimere un collettivo, la singola giocata non è la soluzione a tutto”.

Sulla Juventus –La Juve ha grandissime qualità, non sempre dominano la partita. Sanno sfruttare gli episodi, sono forti di mentalità e hanno in ogni reparto dei leader. Bisogna arrivarci con grande coraggio e determinazione. E’ una squadra che tutti gli anni va a tentare di mettere in rosa calciatori che possano fare ancora di più la differenza rispetto all’anno prima. Tre anni fa, quando ero a Roma, dopo sei mesi di partite la Juve ci venne a prendere Pjanic, forse il calciatore più forte che avevamo. L’anno scorso avevamo uno dei terzini più forti del campionato, Cancelo, loro sono venuti e lo hanno preso. Così come sono andati dal Napoli e hanno preso Higuain. Sono dettagli importanti per una crescita verticale della squadra. E con Ronaldo quest’anno hanno fatto un altro salto, la mentalità che porta nello spogliatoio è chiara. È quella la sostanza della differenza con le altre squadre. Dobbiamo andare a giocare queste partite in cui bisogna andarsela a giocare, ma nelle ultime partite ho visto segnali importanti”.

Su Nainggolan –È una forza che viene a mancare, ma questo riguarda tutti i giocatori. Nel calcio, non è detto che la somma delle forze dei calciatori dà un risultato certo: bisogna vedere come sviluppano le situazione di calcio. Altrimenti abbiamo Icardi che fa 30 gol, Lautaro 20 e Nainggolan 10 e quelli che facciamo noi sono la somma di questi, ma non è così“.

 

Articolo precedenteMercato Napoli – Hysaj, l’agente: “Chelsea? Non escludo il trasferimento a gennaio”
Articolo successivoPronostici Serie A 15a giornata

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui