[df-subtitle]Nainggolan: “L’inchino di Bologna? Un gesto spontaneo, l’idea mi è venuta al momento. Volevo dare il mio benvenuto. Quando segno sono felice, ma preferisco che vinca la squadra”[/df-subtitle]

Radja Nainggolan, alla sua prima stagione all’Inter, è stato intervistato in esclusiva da “Sky Sport“. Tanti sono stati gli argomenti trattati, dai suoi primi mesi in nerazzurro fino a Francesco Totti, suo ex cpmpagno di squadra alla Roma.

Così la mezzala belga: “Sto dando tutto me stesso per questi colori fin da quando sono arrivato. Devo migliorare ancora un po’ ma presto sarò in piena forma. Qui mi hanno accolto tutti benissimo, mi sono trovato a mio agio, sono contento di essere qui e spero di togliermi tante soddisfazioni. Quali obiettivi abbiamo? Siamo partiti un po’ male, ma siamo in ripresa. Vogliamo alzare un trofeo, io non ho mai vinto e spero sia arrivato il momento giusto. Però meglio volare basso. Veniamo da due vittorie importantissime a Genova e contro la Fiorentina, in casa: siamo una squadra forte, adesso dipenderà da noi continuare a migliorare. L’inchino di Bologna? Un gesto spontaneo, l’idea mi è venuta al momento. Volevo dare il mio benvenuto. Quando segno sono felice, ma preferisco che vinca la squadra. Champions? Vincere contro il Tottenham è stato importante, ma adesso ci sono tutte le altre gare. Speriamo di vincerle tutte e passare il turno“.

Di seguito: “Spalletti? Mi ha voluto lui qui insieme alla società. E’ un allenatore che mi stima tantissimo e questo per me è importante, ora mi godo il momento, sono molto concentrato. Cosa prometto ai tifosi? Posso solo dire che qui c’è veramente tanto entusiasmo. Giocare davanti uno stadio pieno ti carica, ce la metteremo tutta per vincere ogni partita. Vogliamo regalare a loro tante gioie. Totti? Giocare con lui è stata una delle cose più belle che mi sia capitata nella mia carriera“.

Articolo precedenteEmpoli – Milan: i convocati di Gattuso, recupera Cutrone, Caldara ancora out
Articolo successivoBrasile: Rodrygo Goes, Pedro e Paquetà riporteranno ad alto livello il calcio carioca?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui