Inter, Marotta non si nasconde – Beppe Marotta, amministratore delegato Area Sport dell’ Inter, ha rilasciato alcune, importanti dichiarazioni in occasione dell’ evento “L’Amico Atletico” presso la Fondazione Cardinaletti. Il dirigente nerazzurro ha parlato soprattutto di mercato, non nascondendo la grande ambizione di portare tra le fila dell’ Inter Paulo Dybala.

Inter, Marotta non si nasconde – Queste le sue parole:

“Questo è il momento dei bilanci, dei consuntivi, e siamo reduci da un’annata nella quale abbiamo ben figurato grazie anche al lavoro di Simone Inzaghi. Ora però siamo già proiettati al futuro, nel quale dovremo coniugare la sostenibilità alla competitività”.

Sulle suggestioni Dybala e Lukaku: “In questo momento non dobbiamo farci prendere dall’ansia e dalla fretta, Ausilio e Baccin si sono mossi in anticipo e stanno operando bene. 

In questa fase bisogna affiancare alla professionalità e la competenza la creatività, non sempre c’è la necessità di operare grandi investimenti economici. Posso dire che lo zoccolo duro di questa squadra rimarrà e da questo ripartiamo per affrontare con ambizione le 3-4 competizioni che ci vedranno protagonisti nella prossima stagione”.

Sull’addio di Perisic: “C’è soprattutto dispiacere per la perdita di un giocatore importante che, dopo le esperienze in Italia e in Germania, ci teneva a giocare in Premier League. Da parte nostra non c’era la disponibilità a fare offerte migliorative, ad una certa età è normale che i calciatori possano fare determinate scelta.

Per quanto ci riguarda, massimo rispetto e massima riconoscenza, ma non abbiamo paura nel trovare un sostituto. In organico abbiamo già un giocatore di valore assoluto come Gosens, che è un elemento che gode della nostra massima fiducia”.

Sulla promozione in Serie A del Monza: “Sono davvero molto contento, è un risultato che compete ad una piazza così importante. Sono stato direttore del Monza e so quanta passione ci sia da parte dei tifosi brianzoli, va rivolto un grande ringraziamento a Berlusconi e Galliani. Hanno confermato di essere dei grandi dirigenti e la speranza che possa recitare un ruolo da protagonista in Serie A”.

Poi ancora su Dybala: “Dove giocherà Dybala? Nello sport bisogna accettare bugie bianche, ma la speranza è che possa giocare con noi”

LEGGI ANCHE:

  1. Sassuolo, Magnanelli saluta: “Grazie per questo percorso, ora si apre un altro”
  2. Premio Bearzot, De Zerbi vincitore: “Vorrei chiudere una ferita. Pioli, Ancelotti…”
  3. Juventus-Inter, Perisic: “Leader facile in questa squadra. Rinnovo? Non si aspetta all’ultimo”
  4. Serie B, Lecce e Cremonese in Serie A: sfida Cosenza e Vicenza per restare nel campionato cadetto
  5. Cagliari-Verona: due traverse rossoblù, un gol, due gialloblù: così in Sardegna
  6. Rinnovo Veloso, Verona ancora nel futuro del centrocampista portoghese
  7. Inter-Verona, Tudor: “Motivazioni massime, proviamo a fare una bella gara”
  8. Verona, Simeone: “Qui per fermarmi, ambiente stupendo. Il mister ha tanti meriti”
  9. Ribery: “Importante la passione, poi vediamo. Champions, Vlahovic…”
  10. Verona a forza quattro, battuta l’Udinese: l’analisi dal Bentegodi
  11. Inter-Milan, Pioli: “Importanti i duelli, Giroud di livello internazionale. Hernandez, Kessie, Ibra…”
Articolo precedenteIsco lascia il Real Madrid: il saluto sui social e la frecciata a Mbappè
Articolo successivoMilan, Gazidis: “raggiunto un risultato monumentale. Ci vorrà tempo per…”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui