Inter Lautaro Champions League – Nel campionato straordinario dell’Inter fino a qui spicca il capitano e bomber Lautaro Martinez. La punta argentina, dopo il Mondiale vinto, sembra aver alzato sensibilmente il livello delle proprie prestazioni, diventando la stella incontrastata dei nerazzurri. Il Toro ha rilasciato alcune dichiarazioni al magazine ufficiale della Champions League, parlando del suo passato e degli obiettivi della squadra in questo finale di stagione.

Il soprannome – “Perché mi chiamano Toro? Tutto nasce dal mio arrivo al Racing. Lì i miei compagni mi hanno soprannominato El Toro perché ero sempre duro e arrabbiato nei duelli in campo. Una frase che mi rappresenta molto è ‘Quello che non mi uccide mi fortifica’. In qualche modo parla di me, soprattutto di quello che ho vissuto nella mia infanzia, ma si riferisce anche ad alcuni momenti che ho vissuto in seguito. Mi ci identifico, la porto sempre con me, ce l’ho tatuata”.

Inter, Lautaro: “Pensiamo anche alla Champions League”

Infanzia – ”La mia infanzia è stata molto difficile. Quando ero piccolo la mia famiglia aveva davvero poco. Grazie a quei momenti però sono cresciuto tanto. Con il passare degli anni ho capito che dovevo inseguire il mio sogno, giocare a calcio. Nella mia famiglia si è sempre respirata aria di sport”.

Obiettivi – “Quest’anno abbiamo diversi obiettivi, compresa la Champions. Per me è normale che un club come l’Inter si ponga obiettivi simili. Per me la squadra è un gruppo di fratelli e amici che vanno nella stessa direzione. Non importa chi gioca e chi non gioca, l’importante è andare avanti insieme”.

LEGGI ANCHE:

  1. Juventus, Zidane rivela: “Allenare in Serie A? Può anche essere…”
  2. Gudmundsson: la Fiorentina è in vantaggio su Inter e Juventus
  3. Troost-Ekong sul futuro di Osimhen: “So già dove andrà, ma…”
  4. Frosinone, la Juve ha messo gli occhi su Brescianini
  5. Luis Enrique fa scoppiare il caso Mbappè: “L’ho sostituito perché…”
  6. United, Ratcliffe guida la rivoluzione del mercato: via Casemiro e…
Articolo precedenteBrighton, Mitoma infortunato: stagione praticamente conclusa
Articolo successivoJuve, Fagioli: “Ho tanta voglia di tornare. Gli Europei? Un sogno”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui