Inter Julio Cesar – L’Inter di Conte è prima in classifica e, dopo la vittoria nel derby, ha confermato la propria forza.Un avvio di campionato che non è certamente passato inosservato e proprio oggi, il portiere eroe del Triplete dell’Inter Julio Cesar ha parlato del momento nerazzurro.

Di seguito sono riportate le dichiarazioni del portiere, rilasciate in occasione di un’intervista a La Gazzetta dello Sport. Ecco cosa ha detto il portiere brasiliano, nonchè simbolo della storia nerazzurra:

Il derby.
“Ho visto un’Inter bella, tosta ed organizzata. Il Milan, invece, meno. Il lavoro di Conte sta venendo fuori alla grande. E’ un tecnico che tende alla perfezione e i giocatori sembrano averlo capito. Non era scontato, è anche merito suo”.

Lo scudetto.
“Dopo 8 anni sarebbe anche l’ora. Tanti avevano dubbi su Conte, forse per il passato juventino. Discorsi senza senso: è un grande professionista.E’ un top”.

Il reparto difensivo dell’Inter.
“I giocatori singolarmente sono fortissimi. Se, come credo, riusciranno a fare reparto, saranno un blocco. In Italia si lavora tanto sulla difesa. Prima di dire che sono i migliori devono vincere”.

Handanovic è un tuo degno erede.
“E’ uno dei tre più forti al mondo. Ha meno attenzione mediatica perchè non andato avanti in Champions, non ha avuto occasioni come altri”.

Ed ancora, oggi nel mondo i più forti sono i brasiliani?
“Alisson ed Ederson sono straordinari, soprattutto il primo che ha vinto la Champions facendo grandi giocate con il Liverpool”.

Inter: quei quattro difendono e Lukaku segna.
“Ha il fisico bestiale e il senso del gol di un attaccante vero. Non è facile cambiare lingua, Paese e calcio. Con le sue parole ha dato una sberla con educazione ai razzisti da stadio”.

Com’era tempo fa la situazione razzismo allo stadio?
“Oggi la situazione sembra migliorata. Ricordo a Messina un giocatore che voleva lasciare il campo per i buu ed è stato convinto dai compagni a restare. Con le conoscenze di oggi non è possibile discriminare per la pelle. E’ una sfida che il calcio sta combattendo da oltre vent’anni e bisogna vincerla”.

La Champions dell’Inter.
“Per fortuna Borussia e Barcellona hanno pareggiato. Nessuno credeva alla mia Inter nel 2010, invece un gol di Sneijder ci qualificò quasi all’ultimo e abbiamo superato tutti i campioni nazionali. Se passerà il turno, la carica sarà incredibile”.

Che cosa farà da grande Julio Cesar?
“L’agente. Seguo corsi, studio e sto organizzando un’attività a Lisbona dove ormai vivo”.

Articolo precedenteMercato Juventus – Mandzukic rifiuta il Qatar! I dettagli
Articolo successivoFIFA, Leo Messi vince il premio per il migliore giocatore

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui