INTER HAKIMI UFFICIALE – Negli scorsi giorni la notizia bomba, stamattina le visite mediche e adesso l’ufficialità. Achraf Hakimi è un nuovo giocatore dell’Inter. Oggi l’esterno destro marocchino è atterrato a Milano, subito dopo si è recato alla clinica Humanitas e poi al Coni per le visite mediche di rito e i test di idoneità sportiva. Con lui anche la moglie, il figlio e l’agente per questa sua prima giornata milanese. Ad accoglierlo anche alcuni tifosi nerazzurri entusiasti che gli hanno dedicato i primi cori.

L’ex Borussia Dortmund ha firmato nel pomeriggio il contratto che lo legherà ai nerazzurri fino al 2025. Operazione da 40 milioni di euro più 5 di bonus che finiranno nelle casse del Real Madrid che era il proprietario del cartellino. Il classe 1998 percepirà un ingaggio da 5 milioni più bonus.

INTER HAKIMI UFFICIALE – Il giocatore su Instagram ha voluto salutare i suoi ormai ex tifosi del Borussia Dortmund. Ecco il testo del messaggio: “È arrivato il momento di chiudere una tappa bella della mia vita. Dopo due anni meravigliosi, mi preparo per salutare questo club che mi ha dato tanta felicità. Dal primo momento, il trattamento ricevuto da club e città è stato incredibile. Dortmund è stata casa mia per due anni, è stata la scelta giusta. Ringrazio i miei compagni, lo staff tecnico e tutto il personale del club per la gentilezza e per la fiducia che mi hanno dato. E poi la meravigliosa tifoseria, che ci ha dato sempre appoggio incondizionato. Non dimenticherò mai il Muro Giallo, semplicemente meraviglioso. E poi ringrazio la mia famiglia e gli amici, per l’appoggio avuto in ogni momento. Spero che un giorno le nostre strade tornino a incrociarsi. A presto, Borussia Dortmund.

Il club giallonero ha a sua volta salutato Hakimi sui social: “Grazie, Achraf! Ringraziamo Achraf Hakimi per i suoi anni a Dortmund e gli auguriamo tutto il meglio per la sua futura carriera”. L’avventura nerazzurra per Hakimi ora può davvero cominciare.

Articolo precedenteMilik Atletico Madrid: anche i colchoneros sull’attaccante
Articolo successivoWerner: “Sarei potuto andare all’Inter ma il Chelsea mi ha voluto di più”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui