INTER GENOA BALLARDINI Partita senza storia a San Siro per il Grifone sconfitto 3 a 0. Eccessivo turn over del mister in vista del derby di mercoledì ma anche un approccio sbagliato alla partita.

INTER GENOA BALLARDINI A fine gara il mister a Sky Sport ha così analizzato la partita:

Nel primo tempo il Genoa se l’è giocata, abbiamo anche creato situazioni pericolose, mentre nella ripresa non siamo stati così ordinati e precisi nella pressione sulla palla. Potevamo far meglio, nel secondo tempo non siamo stati bravi come nel primo. Loro sono la squadra favorita perché non ha più nessun altro impegno e non avendolo – con tutti i giocatori di qualità che hanno – prestano tutta l’attenzione al campionato, cosa che altre squadre non possono permettersi di fare”.

INTER GENOA BALLARDINI Proprio sui cambi, forse eccessivi, il mister si è cosi espresso:

“Oggi, mercoledì e domenica giochiamo. Certo che abbiamo fatto valutazioni un po’ per diffidati e perché alcuni soffrono partite ravvicinate. Abbiamo fatto valutazioni in base a tutto questo. A volte fai queste scelte perché sei convinto e te lo dicono i dati o i giocatori stessi, fai riposare un giocatore e ottieni l’effetto contrario. Fai le cose perché hanno un senso ma non è detto che tu faccia la cosa giusta. Abbiamo affrontato una squadra che è in salute, sono padroni in questo momento”.

INTER GENOA BALLARDINI Il tecnico ha poi espresso ottime parole verso Lukaku sempre più leader della squadra interista:

Penso sia un leader in tutti i sensi. La sensazione è che sia un esempio per l’impegno, un ragazzo straordinario con qualità straordinarie: un giocatore che fa la differenza, ma tanta differenza”.

Poi ancora sulla gara persa:

“Una sconfitta che può servire? Certo, perché ci dice che serve il massimo a livello di testa, cuore, gambe e qualità di qui alla fine. Ma noi lo sappiamo benissimo, lo abbiamo ben chiaro. Oggi volevamo fare una partita diversa. Questa partita è andata, ora pensiamo a mercoledì”. 

Articolo precedenteInter-Genoa, Lukaku: “Era un bel test, diamo segnali ma è ancora lunga. Non ci sono solo io”
Articolo successivoAtalanta, rinnovo Ilicic: per il prolungamento ‘a vita’ manca solo l’annuncio

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui