Alessandro Bastoni è stato intervistato da Sky Sport per ripercorrere la festa dell’Inter che ha vinto lo Scudetto della seconda stella. Queste le parole del difensore italiano:

Ho fatto la parata con la Nazionale con l’Europeo, ci mettemmo tre-quattro ore, il doppio con l’Inter, l’affetto che ci hanno dato i tifosi… ci sono stati tanti episodi che ci hanno portato a dire che sarebbe stata la volta buona, c’era tanta voglia di festeggiare, rimediare agli errori fatti in passato e questo viene da una unione di un collettivo“.

La sua crescita:Fa piacere essere la vetrina del calcio moderno, è una evoluzione che arriva con il mister Inzaghi, prima era un 3-5-2 classico. Mi piace allargarmi, abbiamo una intesa, sintonia e sappiamo cosa fare“.

Bastoni legatissimo all’Inter: “Me lo sento, dopo la festa, la manifestazione d’affetto poi è chiaro che quando le cose vanno bene è facile festeggiare, essere felici. Sono passato anche da delusioni importanti come la sconfitta in Champions League, anche lì abbiamo sentito l’affetto dei tifosi e mi sento di ripagare questo affetto“.

Il mister Inzaghi:Ci ha trasmesso tranquillità, serenità nel giocare a calcio“.

Sommer:Ha ereditato una grande responsabilità, non era facile sostituire Samir (Handanovic) e interpreta questo ruolo in maniera diversa, ha un’età diversa e chiede consiglio a noi anziani del gruppo mi fa molto piacere perché sensibilizza e dà responsabilità un po’ tutti“.

Menzione per Thuram:E’ quello che mi h sorpreso di più, un approccio così forte nel nostro calcio e oltre straripante fisicamente è anche intelligente“.

La prossima stagione:Saranno tutti pronti a puntare il dito, avremo voglia di ripeterci anche se nel calcio è la cosa più difficile. Siamo ancora ragazzi giovani con tanta voglia di vincere“.

OLTRE A “PARMA PROMOSSO…“, LEGGI, ANCHE, AD ESEMPIO:

    1. Marotta: “Evoluzione, non rivoluzione e nessuna ansia da scadenze”
    2. Aston Villa-Emery allineati e ancora insieme: niente Milan
    3. Infortunio Udogie, stagione finita: niente Europeo
    4. Liga, 32esima: Clásico al Real che attende solo l’aritmetica, storico Girona in Europa
    5. Bundesliga, Bayer Leverkusen campione: rotta l’egemonia Bayern
    6. Liverpool-Atalanta 0-3, Gasperini: “Molto felici”. Scamacca: “Notte fantastica ma non basta”
    7. Liverpool-Atalanta, Gasperini: “Un modello, ci misureremo e proveremo a fare bella figura con i più forti”
    8. Liverpool-Atalanta, Klopp: “Gasperini ha idee che mi piacciono, sa come organizzare una squadra”
    9. Fiorentina-Atalanta, Gasperini: “Coppa Italia più fattibile ma non indispensabile per certificare il lavoro”
    10. Spareggi Euro 2024, ecco le ultime partecipanti: Georgia, Polonia e Ucraina
    11. Valencia-Real Madrid, Vinicius protagonista ma quante polemiche arbitrali: “Vittoria negata al Mestalla”
    12. Pescara, Zeman costretto a lasciare: il suo messaggio
    13. Barcellona, Xavi: “Lavoro non apprezzato nel quotidiano”. Al successore: “Divertiti, impossibile”
    14. Panchina d’oro, Spalletti: “Evoluzione continua, spero possano vincerla anche tanti altri bravi”
    15. Liverpool, intervista Klopp: “Amo tutto qui e non allenerò altro club inglese, mi fermo almeno un anno. Vorrei…”
    16. Morte Gigi Riva: lutto per la Sardegna e per il calcio italiano
    17. Roma-Verona, De Rossi nella prima conferenza: “Mi sento allenatore, l’obiettivo…”
    18. Roma-Verona, Baroni: “Nuove opportunità e presupposti per far bene, crescere e lottare, nonostante tutto”
    19. Verona, Sogliano: “Uniti, ritrovare carattere e ciò che è scattato l’anno scorso”
    20. Cagliari, Luvumbo dev’essere una risorsa e non  una soluzione
    21. Nizza, Farioli si racconta ad Euro Show
Articolo precedenteAtalanta, Gasperini: “Marsiglia più da Europa, questo tavolo ci piace molto”
Articolo successivoJuventus, Soulè e Huijsen possono salutare: la situazione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui