Inter agente Satriano: “Diverse squadre interessate, ma aspetta l’esordio a San Siro”

33

Inter agente Satriano – Da quando è arrivato in nerazzurro, Inzaghi ha avuto modo di osservare non solo i giocatori della prima squadra, ma anche i numerosi giovani di talento del vivaio interista. Tra quelli che hanno spiccato maggiormente c’è Martin Satriano. L’attaccante, infatti, ha colpito molto il tecnico e anche diversi club europei. A parlare del suo futuro è stato l’agente in esclusiva alle pagine di Tuttosport. Di seguito le dichiarazioni riportate da calciomercato.com:

“Tenere i piedi per terra? Assicuro che Martin non presta molta attenzione ai media. Sa che per arrivare lontano deve percorrere tanta strada. E anzi, adesso sta lavorando ancor più duramente perché è consapevole che solo con gli allenamenti, e non con le parole, si matura come giocatore. Suo padre era un calciatore professionista, conosce le regole del gioco”. 

Durante il precampionato si è fatto notare.
“Martin era sicuro che avrebbe imparato tantissimo stando vicino a campioni come Lautaro e sotto la guida di un grande allenatore che ha stima del mio assistito, come Inzaghi. Sfrutta ogni ora, anzi, ogni minuto per diventare un calciatore più forte”. 

E’ pronto per l’esordio a San Siro?
“Non sappiamo se scenderà in campo, dipende da Inzaghi. Ma qualora dovesse giocare, sicuramente sarà entusiasta e per nulla intimorito di mettersi alla prova in uno stadio così importante. Tutti sognano un esordio del genere. E per Martin sarebbe pazzesco debuttare tra i professionisti nella Scala del calcio”. 

Inter agente Satriano – Il rapporto con Inzaghi.
“Martin ha un ottimo rapporto col tecnico e con il suo staff. Poi sta a lui farsi trovare pronto quando il tecnico chiamerà”. 

 Il futuro di Satriano.
“Al momento è totalmente focalizzato con l’Inter. Spera di esordire col Genoa e sarà il campo a parlare per lui. Non so in quanti si aspettassero che segnasse 9 gol in 5 partite come gli è riuscito. Interessi in Europa? Sappiamo sia attenzionato da molti. Ogni decisione per il suo futuro verrà presa per il suo bene, in totale accordo con la dirigenza nerazzurra. Ora è ancora un giovane che vuole affermarsi. Ma punta, un giorno, a essere titolare dell’attacco nerazzurro”. 

Alcuni l’hanno paragonato a Ibra.
“Credo che lui sia un 9 che ama dialogare coi compagni e sacrificarsi per il gioco di squadra. Al Nacional giocava da 10, oltre al fisico possiede una tecnica notevole. Per il suo stile di gioco mi ricorda Benzema. Satrigol? Soprannome azzeccato, anche se non è mica la prima volte che succede”. 

Articolo precedenteIntervista Donnarumma: “L’addio al Milan? Avevamo ambizioni diverse”
Articolo successivoFiorentina, vicino il rinnovo di Milenkovic: oggi l’incontro decisivo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui