[df-subtitle]La decisione del tribunale dovrebbe essere annunciata domani, tenendo presente che la finale contro il Boca si giocherà domenica prossima [/df-subtitle]

Come riporta Calciomercato.com, la decisione dell’unità di disciplina del Conmebol di cambiare la sede del ritorno della finale della Copa Libertadores dopo gli incidenti del 24 novembre scorso non è stata presa per niente bene dal consiglio del River Plate. Il club di Nuñez non intende rinunciare alla sede, oltre a respingere la sentenza che lo obbliga a giocare due partite internazionali senza pubblico l’anno prossimo, e a pagare anche una multa di 400.000 dollari.

A partire dalla presentazione fatta venerdì scorso dinanzi alla Confederazione sudamericana di calcio (CONMEBOL), il River ha espresso in un comunicato stampa “il suo rifiuto del cambio di sede” di una partita che si sarebbe dovuta disputare il 24 novembre al Monumental di Buenos Aires (Argentina), ma che è stato rinviato a causa di diversi tafferugli generati da tifosi nelle vicinanze dello stadio.

Il club capisce che la decisione denaturalizza la gara, danneggia coloro che hanno acquistato il biglietto e influisce sulla parità di condizioni“, dice la dichiarazione, per dopo elencare le numerose ragioni per la quale il River sostiene quanto detto.

La responsabilità per la faglia nell’operazione di sicurezza di sabato 24 novembre, che si è verificata al di fuori dell’anello perimetrale previsto per l’evento, era, oltre ad essere noto e risaputo, assunta dalle più alte autorità dello stato. Questo equivale a dire che i fatti che il River Plate rimpiange – e per i quali ha espresso tempestiva solidarietà – non sono in alcun modo la responsabilità del club“, ha detto nel primo punto.

“Sabato, più di 66.000 spettatori che si trovavano all’interno dello stadio hanno aspettato pazientemente per circa otto ore e sono tornati allo stadio per una seconda volta la domenica. A quegli stessi spettatori viene ora negata, senza motivo, la possibilità di assistere al match, a causa dell’ovvia differenza di costi e della distanza dal luogo scelto“, ha aggiunto nel secondo punto.

Così, il ‘club milionario’ descrisse come “incomprensibile” che “il più importante classico del calcio argentino non possa giocarsi normalmente nello stesso paese che ha organizzato un G20”, con riferimento alle riunioni dei principali capi di stato e di governo con Mauricio Macri come ospite.

“Il calcio argentino nel suo complesso e l’Argentine Football Association (AFA) non può e non deve permettere che per una manciata di tifosi violenti impediscano lo sviluppo del Superclasico nel nostro paese,” concluse il comunicato stampa del River, nello stesso modo in cui il Boca Juniors ha fatto sapere la sua sulla scelta di Madrid come sede.

 

Articolo precedenteAtalanta – Napoli, Giuntoli vicinissimo al rinnovo e comunicato curva Atalanta a ‘Un Calcio Alla Radio’
Articolo successivoIl Manchester City non si ferma e vince contro il Bournemouth

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui