Come di consueto diamo spazio ai tifosi azzurri che vogliono dare il proprio parere sulle condizioni del Napoli, analizzando  il percorso da inizio campionato ad oggi.

Ecco cosa ne pensano i tifosi :

[df-subtitle]NOEMI TROMBETTA – Da Torino [/df-subtitle]

Premetto che quello che sto facendo richiede uno sforzo enorme, perché non faccio mai pronostici relativi alle partite del Napoli dal momento che sono scaramantica in maniera esagerata, quindi mi limiterò a esprimere un semplice parere e a sperare nella vittoria.

Domenica 25 novembre è il turno di Napoli – Chievo:

Il Chievo è l’ultimo in classifica, ma questo non implica la possibilità di sottovalutare o prendere sotto gamba la partita.

Mi ricordo come fosse ieri la partita del 4 aprile giocata al San Paolo, una partita le cui sorti sembravano segnate fino al minuto 89, minuto in cui Milik ha sbloccato la partita e aperto la strada a quella che si è rivelata essere la partita che ha restituito al Napoli e ai napoletani la speranza di scudetto.

E’ stata forse una tra le partite più emozionanti dell’intero campionato, ancora oggi mi guardo gli highlights per rivivere quella magia che si respirava al San Paolo quel 4 aprile.

Confido tantissimo nel gioco del Napoli, pulito e tecnico e come ogni partita sono speranzosa di vedere un Napoli sempre più concentrato e determinato.

Mr Ancelotti sta facendo un lavoro enorme non solo dal punto di vista tecnico (ottenendo talvolta risultati ottimali di cui Fabian Ruiz ne rappresenta l’esempio più lampante a mio avviso) ,

ma soprattutto sotto il profilo mentale: ciò che amo in particola modo del Napoli di quest’anno è la solidità della Squadra, il saper dominare una partita nonostante lo svantaggio e la determinazione nel voler raggiungere la vittoria, fino all’ultimo respiro, fino all’ultimo secondo.

Detto ciò, in relazione al risultato spero si possa ripetere quanto successo l’ultima volta al San Paolo.

Per quanto riguarda la partita, va bene provare quel pizzico di adrenalina che nello stadio partenopeo non manca mai, però questa volta anche meno può bastare, giusto per non arrivare a fine partita col fiatone

[df-subtitle] PARLIAMO DI CHAMPIONS [/df-subtitle]

Il girone del Napoli, con quello dell’inter, è sicuramente il più difficile rispetto a quelli della altre due squadre italiane, un girone che può dirsi cominciato in salita, con un Napoli che non è riuscito a sfondare il muro della stella rossa, di una squadra che ha concentrato le forze principalmente, se non esclusivamente, sulla difesa, adottando una strategia di gioco che ha impedito al Napoli di trovare il colpo da tre punti.

Che dire, arrivati a questo punto senza aver subito sconfitte nonostante la difficoltà del girone, credo che ora come ora il Napoli sia pronto a recuperarsi ciò che gli spetta, sono sicura che tirerà fuori gli artigli per portarsi a casa la vittoria che all’andata si è lasciato sfuggire per poco.

Sono speranzosa di vedere scendere in campo gli undici leoni che hanno dato vita (sempre in ambito Champions) quasi a un’impresa il 3 ottobre, a una magia che solo chi era presente può comprendere del tutto .

[df-subtitle]FABIANO IENGO – Club Napoli Saronno Partenopea [/df-subtitle]

 

 Ancelotti ha ridato una seconda vita al Napoli poiché riesce ad arrivare lì dove “mentalmente” Sarri si fermava, mostrando dei limiti.

Partendo dall’uso logico e sensato del turnover che, fin ora, ha dato i suoi frutti ma sta ancora seminando e sono convinto che darà molto filo da torcere alla Juve e CR7.

La squadra di Mister Ancelotti dimostra sempre un ottimo gioco!

Il possesso palla ad esempio , che di certo non è mai mancato, ma col passare delle partite sta limitando e cancellando i cali mentali difensivi che spesso portavano la squadra partenopea a perdere punti importanti proprio contro le “piccole”.

In Champions nulla da dire, squadra meritevole di passare un girone di ferro dopo aver affrontato e messo in seria difficoltà squadre come Liverpool e PSG.

Con La Stella Rossa no sarà’ una passeggiata  ma bisogna portare avanti il cammino in Europa per poter ambire a posizioni più alte che la nostra città, il nostro popolo e grazie alla nostra squadra merita !

 

Articolo precedenteLiga, Casillas su Mourinho: “Al Real Madrid pensava di aver neutralizzato il Barcellona, invece…”. Parole velenose dell’ex Madrid
Articolo successivoRoma, Kluivert: “Udinese buona squadra, contento di essere qui e migliorare. Sul Real Madrid…”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui