Botman-Milan: sprint dei rossoneri, che lavorano sulla formula e sulle cifre

Arduo il compito per la dirigenza del Milan in questo gennaio: trovare il sostituto di Simon Kjaer. Il centrale danese prima dell’infortunio era il principale punto di riferimento della retroguardia rossonera, e inoltre ora, con la sua assenza, il pacchetto si è ritrovato impoverito. Infatti, oltre a Gabbia e, all’occorrenza, Kalulu, Pioli può contare sui soli Tomori e Romagnoli.

MERCATO, IL MILAN HA SCELTO IL PRIMO OBIETTIVO: BOTMAN DEL LILLE

Come riporta Sportmediaset, Maldini e Massara ormai non hanno più dubbi: è Sven Botman l’obiettivo numero uno del mercato invernale. L’olandese classe 2000 è al momento la pista più calda per il Milan, che è a caccia di un centrale sì in grado di prendere il posto dell’infortunato Kjaer, ma anche di garantire qualcosa in prospettiva. La trattativa con il Lille è pronta a entrare nel vivo.

I francesi chiedono 30 milioni di euro, la dirigenza punta ad abbassare la richiesta attorno ai 20, per poi ragionare sulla formula. I rossoneri vorrebbero strappare un prestito con diritto di riscatto, che potrebbe trasformarsi in obbligo al realizzarsi di determinate condizioni.

I 195 centimetri e il buon piede sinistro di Botman stanno facendo gola a molti e su di lui c’è anche il Newcastle. Il ragazzo, tuttavia, non sembra particolarmente convinto dall’ipotesi Magpies e i buoni rapporti tra Milan e Lille potrebbero agevolare lo svolgimento della trattativa. I due club hanno infatti concluso diverse operazioni fruttuose in passato, come Leao e Maignan. Inoltre, i milanesi puntano a tenere aperto il canale di comunicazione con i francesi per un altro obiettivo, tutt’altro che secondario: Renato Sanches. Il portoghese è visto come il potenziale erede di Kessié e i discorsi col suo agente, Jorge Mendes, sono già partiti.

Milan, Botman

Tornando alla difesa, resta sullo sfondo la pista Bremer. Il centrale brasiliano è molto apprezzato, ma il Torino non ha nessuna intenzione di lasciarlo partire prima dell’estate, essendo diventato pedina indispensabile nello scacchiere tattico di Juric.

LEGGI ANCHE:

Bernardeschi sul rinnovo: “la volontà c’è ma le cose si fanno in due”

Fiorentina ufficiale Ikonè: il comunicato del club viola

Benitez su Digne: “non pensa all’ Everton”. L’ Inter monitora la situazione

Juve senti Toni: “Icardi attaccante da prendere, garantisce 15 gol”

Napoli su Berardi se Insigne dovesse lasciare già a gennaio? – ESCLUSIVA EC

Articolo precedenteBernardeschi sul rinnovo: “la volontà c’è ma le cose si fanno in due”
Articolo successivoJuve, Morata vuole solo il Barcellona ma manca il via libera

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui