Ignacio Castillo: “Lautaro? Vederlo giocare con Messi al Barcellona sarebbe l’ideale per noi argentini”

Ignacio Castillo: “Lautaro? Vederlo giocare con Messi al Barcellona sarebbe l’ideale per noi argentini”

In diretta a “Taca La Marca”, programma in onda su Radio Musica Television, è intervenuto Ignacio Castillo, ex attaccante di Lecce e Fiorentina. Ignacio Castillo si è soffermato sulla ripresa della Serie A e su tanti altri temi.

Ecco quanto emerso.

La ripresa del calcio: “Qui in Argentina ci vorrà tempo, visto che siamo in inverno. Il calcio giocato è un momento di svago, da noi si potrebbe tornare in campo ad ottobre”.

Lecce: “Liverani ha fatto un lavoro impressionante e la squadra cerca sempre di proporre calcio, quando ci sono compagini più forti si fa sempre fatica. Peccato per il Lecce che ha subito tre gol in pochi minuti con il Milan ed in particolare la rete di Rebic ha messo ko la compagine salentina”.

Esperienza a Firenze: “Non è stata un’esperienza felice dal punto di vista calcistico ma è stato molto bello far parte di una delle migliori Fiorentina della storia che si è imposta anche in Europa giocando grandi incontri. Anche se ho giocato poco sono fiero di aver fatto parte di quella grande squadra, anche Jovetic faceva fatica a trovare spazio”.

La sfida con il Bayern: “Ci fu polemica sul gol di Klose, oggi con il VAR tutto ciò non sarebbe accaduto. A Firenze Robben trovò un gol incredibile. Il Bayern era superiore, ma nella doppia sfida ce la siamo giocata alla pari”.

Rapporto con Ventura: “Il rapporto è stato buono, l’ho avuto a Pisa, ci siamo trovati bene e in quella stagione abbiamo ottenuto grandi cose insieme. Eravamo un gruppo di ragazzi che venivano dal basso e avevamo tanto da guadagnare.

Nell’esperienza di Bari il rapporto si è un po’ incrinato per il mio mancato impiego e poi non ci siamo più incontrati sul campo. Tutto sommato mi ha dato molto ed ha lasciato il segno soprattutto nei calciatori di quel Pisa.

La sua esperienza in Nazionale non è stata semplice, nello spareggio sono stati fatti degli errori, ma fa parte del calcio. È stato un peccato non vedere gli azzurri nel mondiale di Russia”.

Bielsa: “Per noi argentini che siamo stati calciatori ed ora siamo allenatori è un punto di riferimento. Ha un’idea di calcio molto forte con convinzioni davvero particolari. Molti parlano di lui senza conoscere la sua metodologia di lavoro; è molto interessante da studiare ed è superiore alla maggior parte dei tecnici in circolazione. Ha avuto pochi risultati, ma rimane un punto di riferimento”.

Lautaro: “Vederlo giocare con Messi nella squadra di club sarebbe l’ideale per noi argentini. In due anni può succedere di tutto e possono esplodere anche altri calciatori. Ha avuto la fortuna di arrivare in Italia e trovare due grandi allenatori come Spalletti e Conte, in futuro sarà il punto di riferimento dell’Albiceleste e speriamo che possa aiutare Messi a vincere il Mondiale”.

Resta aggiornato. Ti invieremo una mail solo per le novità


Non ti preoccupare niente SPAM , lo odiamo quanto te.


Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/europac3/public_html/wp-content/themes/trendyblog-theme/includes/single/post-tags-categories.php on line 7

About author

Cristiano Abbruzzese
Cristiano Abbruzzese 6908 posts

Giornalista pubblicista dal luglio 2012, è il direttore di EuropaCalcio.it.

View all posts by this author →

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply