Zlatan Ibrahimovic si è raccontato in un’intervista concessa a France Football.

Questi i temi trattati dall’attaccante svedese.

SU MESSI E RONALDO – “Se si parla di qualità calcistiche io non ho nulla meno di loro. “Se contiamo i trofei allora hanno qualcosa in più come la Champions League.

SUL PALLONE D’ORO – “Non so però in base a cosa si decida per l’assegnazione del premio, ma non ne sono ossessionato, anzi sono io a mancare a lui e non il contrario”.

SUL SUO RUOLO NELLA SQUADRA –Quando il collettivo funziona, l’individuo ne beneficia: il singolo non può essere buono se la squadra non è buona. In fondo, penso di essere il migliore al mondo“.

ZLATAN TRA PASSATO, PRESENTE E FUTURO – “Cosa direi al giovane Zlatan Ibrahimovic? Gli direi solo di avere più pazienza. Tutto gli sarà restituito. Ho lavorato sodo, ma non ho avuto molta pazienza. Volevo che tutto accadesse in maniera molto rapida. Continua a lavorare e credi in te stesso. È molto difficile quando sei giovane. Ma quando hai un’esperienza come quella che ho io adesso, capisci cosa significa. Quando sei giovane e libero, pieno di idee, con molta energia e motivazioni, vuoi scoprire il mondo, ma hai tante cose da imparare, non è facile. Devi essere circondato da persone che hanno esperienza, che ti permettano di stare calmo e che ti dicano la verità”.

SULLA FINE DELLA CARRIERA “Non so cosa resterà di me alla fine della mia carriera, spero qualcosa. Se lascerò qualcosa, vuol dire che ho fatto bene il mio lavoro. Forse le mie idee. Credere in sé stessi, avere la propria personalità, non aver paura di andare avanti con le proprie idee, avere una mentalità aperta”.

SUL LAVORO “Sono bravo nel mio lavoro e sono qui per aiutare. Cerco di vincere e di fare la differenza in campo. Non sono qui per essere ricordato dalle persone. Se sono quasi due metri e sono ancora forte è perché mi alleno e lavoro, non è perché sono a Venice Beach e faccio bodybuilding tutto il giorno. Cerco di adattare il mio gioco alle mie caratteristiche e alla mia età. Non sono veloce come quando ne avevo 25 o 30, ma faccio del mio meglio per aiutare la squadra”.

Articolo precedenteGiroud negativo: Il giocatore riprende l’attività sportiva
Articolo successivoAlbiol: “Napoli Juve? Spero vincano gli azzurri. Atalanta? Match difficile”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui