Zlatan Ibrahimovic, direttamente dal ritiro della Nazionale svedese, ha affrontato diverse tematiche riguardanti presente e futuro

“Sento sempre parlare esclusivamente della mia età come quando, da giovane, sentivo parole del mio egocentrismo e della mia poca professionalità. Beh, sono discorsi che mi aiutano ad andare avanti, ad alimentare la mia voglia di dimostrare a tutti che sono pregiudizi. Ho 41 anni, ma il tempo passa per tutti e se c’è un consiglio che posso dare ai miei compagni, è quello di godersi a pieno questo momento, perché il tempo vola”. Parole firmate Zlatan Ibrahimovic dal ritiro della Nazionale svedese in vista del doppio impegno con Belgio e Azerbaigian.

Intervenuto in conferenza stampa, il fuoriclasse del Milan si appresta a travestire nuovamente il ruolo di super eroe dopo aver stabilito il nuovo record di rete più “anziana” di sempre della nostra Serie A, in quel di Udine. Incalzato su ciò che sarà del proprio futuro e sulla possibilità di partecipare da protagonista ai prossimi Campionati Europei in Germania, Ibrahimovic ha così replicato: “Non ho mai pensato di mollare dopo l’ultimo infortunio subito al ginocchio e, tantomeno, dopo lo Scudetto vinto col Milan: sarebbe stato fin troppo facile. Se sono qui, è per dimostrare a tutti di poter fare ancora la differenza, non certo per perdere tempo. Inutile pensare a cosa succederà in futuro, perché sono focalizzato solo sul presente”.

Il nuovo patto col Diavolo stipulato da Ibra scadrà il prossimo giugno e, le offerte, certamente non mancano: “Vediamo, non è il momento di pensarci. Le prospettive per il futuro sono tante: mi vedo solamente come calciatore, nient’altro”. 

Oltre all’articolo: “Ibrahimovic: “Basta parlare della mia età. Sul futuro al Milan…”, leggi anche: 

Articolo precedenteRoma, Karsdorp operato al menisco: stagione finita per l’olandese
Articolo successivoSamardzic, taglio netto col passato: “La prima decisione per il futuro”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui