IBRA SPORTMEDIASET – Zlatan Ibrahimovic ha parlato a “SportMediaset“. Il leader del Milan è pronto a rientrare dopo un lungo stop.

Così l’attaccante: “Sono ancora Dio, sono ancora il numero 1: adesso torno e cambia la musica. Ho tanta voglia, voglio fare tante cose, quello che ho perso in questi 7/8 mesi. Ho perso tempo”. C’è da recuperare il tempo perduto, appunto: “Squadra in crisi? Non sono preoccupato, sono momenti normali all’interno di un campionato, Ora dobbiamo parlare poco e dimostrare in campo il nostro valore“.

IBRA SPORTMEDIASET

IBRA SPORTMEDIASET – Prosegue: “Critiche? È normale, perché se non ti criticano non sei al top. A me criticano da 25 anni perché sono il numero 1, sono abituato. È come mettere benzina sul fuoco e quando scherzi con il fuoco ti bruci. Mi sento ancora Dio? Certo, non cambia niente. Non voglio tornare in campo per beneficenza, se entro in campo lo faccio per portare risultati e per fare quello che ho sempre fatto. Altrimenti non sarebbe una sfida per me, starei a casa a giocare coi miei figli“.

Di seguito: “Come in tutte le cose i piccoli dettagli fanno la differenza. Non è un buon periodo ma basta poco per cambiare. Se posso fare qualcosa lo faccio perché sono qui per aiutare. Adesso cambiamo la musica quando rientro. In questi mesi ho fatto quello che potevo fare: ho aiutato la squadra in un modo differente rispetto a quando ero in campo. Ma è in campo che posso aiutare il più possibile, ed è lì che voglio stare. In questi mesi ho fatto il possibile per aiutare il mister, lo staff e il club. Bisogna avere pazienza per rientrare al meglio e per non fare continuamente dentro-fuori. Ma tutto è andato come avevamo previsto“.

 

LEGGI ANCHE:

Articolo precedenteUfficiale: Salernitana, Radovanovic rescinde il contratto
Articolo successivoSampdoria, uno svincolato per la salvezza: si tratta con Jesè

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui