Higuain si confessa – Gonzalo Higuain, attaccante dell’ Inter Miami e vecchia conoscenza del calcio italiano, si è raccontato a tuttotondo ai microfoni di “ESPN F360“. Il “Pipita” ha parlato del suo glorioso passato, specialmente tra le fila del Real Madrid, e anche del suo futuro prossimo al termine del contratto con il club di David Beckham.

Higuain si confessa – Ecco le sue parole:

REAL MADRID E FUTURO – «Non mi sarei mai aspettato di fare carriera al Real,  ero convinto che sarei rimasto a giocare ancora per un paio di anni al River Plate prima di andare in Europa. E poi a Madrid ero convinto che sarei finito in prestito o al Castilla ma ricordo che mio padre mi disse di non aver paura. Ho giocato con Benzema, fra di noi c’è stata sempre competizione leale. Quando è arrivato Cristiano Ronaldo ha segnato 25 gol, io uno in più. Incredibile. Per quanto riguarda il futuro non ho ancora deciso cosa fare dopo la fine del contratto. Non escludo di prendermi un anno sabbatico». 

ADDIO NAZIONALE – «Chiaramente si prova una sensazione diversa osservando la squadra da fuori. Sono molto contento della vittoria in Coppa soprattutto per Leo. L’ho chiamato subito dopo la sfida con il Brasile. Però sono e resterò una persona che prende una decisione la prende. Forse perderò l’opportunità di essere campione con l’Argentina, ma non vedo alcuna possibilità di andare in Qatar. Ho passato anni difficili, sono molto provato fisicamente e mi sento totalmente disconnesso dalla nazionale. Ho deciso di non giocare più per l’albiceleste. Oggi la mia priorità è che la mia famiglia non soffra la mia mancanza. Non sono un robot, ho sofferto a non vincere con la nazionale, ma ho anche ottenuto molto più di quanto sognassi». 

GIOCARE COL FRATELLO – «Condividere il campo con mio fratello è la cosa migliore. Il calcio ci ha divisi e ci ha riavvicinati. Vivere nella stessa città con mio fratello e mio nipote è bello. I miei nipoti non mi vedono come uno zio, ma come un giocatore. Il giorno prima che mia madre morisse lui mi ha fatto l’assist e io ho segnato il gol, sembrava scritto, e lei lo vedeva . Lo vedeva ed era il suo sogno finale». 

Articolo precedenteRinnovo Vlahovic, Commisso: “Spero resti ma non faccio promesse…”
Articolo successivoInter-Bologna, Svanberg suona la carica: “crediamoci fin da subito”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui