[df-subtitle]Partita difficile per la Colombia che, in inferiorità numerica fin dai primi minuti, deve arrendersi agli uomini di Nishino[/df-subtitle]

Partita condizionata fin dal quarto minuto e subito in discesa per i nipponici. Sul tiro pericoloso di Kagawa, Carlos Sanchez allarga il braccio in area negando una chiara occasione da gol. Espulsione del colombiano e calcio di rigore per il Giappone. Kagawa spiazza Ospina dal dischetto e porta in vantaggio la squadra firmando l’1-0.

La Colombia fatica a rendersi pericolosa data l’inferiorità numerica e sotto di un gol, facendosi vedere in avanti in qualche occasione con Falcao. Al 39′ è proprio quest’ultimo a procurarsi una punizione da buona posizione. Si incarica di batterla Quintero che con un rasoterra supera la barriera e Kawashima, riportando la gara in equilibrio. Il primo tempo termina sul punteggio di 1-1.

Il Giappone, un po’ a sorpresa, passa nuovamente in vantaggio al 74′, questa volta sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Honda s’incarica di battere il corner, Arias si addormenta e Osaka riesce a deviare sotto porta di testa. E’ 1-2 per i nipponici.

La Colombia accusa il colpo, ma tenta comunque di agguantare il pareggio prima con il sinistro di James Rodriguez, deviata in angolo, poi con il tentativo di Carlos Bacca, stoppato dalla difesa giapponese. Si spengono le ultimissime speranze degli uomini di Pekerman che, dopo gli ultimi 5 minuti di recupero, devono arrendersi alla superiorità nipponica.

Il tabellino

Colombia-Giappone 1-2

Marcatori: 4′ rig. Kagawa (G), 38′ Quintero (C), 74′ Osako (G)

Colombia (4-2-3-1): Ospina; Arias, D. Sanchez, O. Murillo, Mojica; Lerma, C. Sanchez; Cuadrado (39′ Barrios), Quintero (58′ James Rodriguez), Izquierdo (70′ C.Bacca); Falcao. Ct: José Pekerman.

Giappone (4-2-3-1): Kawashima; Sakai, Shoji, Yoshida, Nagatomo; Hasebe, Shibasaki (80′ Yamaguchi); Haraguchi, Kagawa (70′ Honda), Inui; Osako (85′ Okazaki). Ct: Nishino.

Arbitro: Skomina (SLO)

Stadio: Mordovia Arena (Saransk)

Espulsioni: 3′ C. Sanchez (C)

Articolo precedenteMilan: 72 ore per conoscere il proprio destino
Articolo successivoRoma, colpaccio Pastore: vicinissima la fumata bianca

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui