Graziano Cesari: “Quando chiesi scusa a Zidane e buttai fuori Van Basten per sbaglio…”

Graziano Cesari: “Quando chiesi scusa a Zidane e buttai fuori Van Basten per sbaglio…”

In diretta a “Taca La Marca”, programma in onda su Radio Musica Television, è intervenuto Graziano Cesari, ex arbitro ed opinionista. Graziano Cesari si è soffermato sullo stato di crisi del nostro calcio e su tanto altro.

Ecco quanto emerso.

La ripresa: “Sono scettico sulla ripresa del campionato, la salute deve essere la priorità. Se si guarda al lato economico il calcio deve ripartire visto che è un indotto fondamentale del nostro sistema. Quello che più mi preoccupa è l’assenza dei tifosi; pertanto è inevitabile che si tratti di un altro tipo di campionato. Mi auguro che il concludere questa stagione non pregiudichi la prossima”.

Le partite a porte chiuse per gli arbitri: “Certo che la mancanza di tifosi cambia anche per gli arbitri. Se prendiamo un arbitro di altissimo livello, non è condizionato dall’ambiente; ma se prendiamo un fischietto un pò più fragile o di categorie inferiori, l’intervento del pubblico condiziona leggermente l’azione arbitrale”.

Le interviste post partita degli arbitri: “Mi piacerebbe tantissimo visto che parlare significa trasparenza, uguaglianza e comunicare. Giustificare le decisioni sarebbe perfetto, il VAR è uno strumento favoloso, ma usato così è incompleto; visto che è solo l’arbitro che giudica e tutti si devono fidare della sua decisione. Sarebbe bellissimo far vedere gli episodi discussi sugli schermi degli stadi durante gli incontri.”

Episodio Van Basten: “Era un Milan-Roma, la terza o quarta mia partita in Serie A; inoltre in uno stadio come San Siro, con due compagini ben piazzate in classifica, certamente non era un incontro semplice. Arrivò un pallone in area di rigore, c’era un groviglio di persone e per me non era successo nulla. Il mio collaboratore Battaglia alzò la bandierina, ero girato di spalle e Ancelotti mi fece notare il tutto – spiega Graziano Cesari -pensavamo entrambi che non si sentisse bene.

Quando mi avvicinai, invece, mi disse di espellere Van Basten, gli chiesi se era sicuro di ciò. A quei tempi si era vincolati a ciò che dicevano gli assistenti e fui costretto a cacciare il cartellino rosso. Già la sera dopo la partita osservando le immagini dell’incontro vidi l’errore (ci fu uno scambio di persona visto che l’autore del fallo era Aldo Serena) mi confrontai con Casarin, designatore arbitrale di allora, spiegando tutto l’accaduto”.

L’utilizzo del Var: “Avevo parlato con Roberto Rosetti e inizialmente il Var doveva essere usato per il fuorigioco; per determinare se il fallo è avvenuto dentro o fuori l’area di rigore ed infine per scambi di persona. Quest’interpretazione è stata sballata e si è rientrati nell’interpretazione soggettiva che è diversa per ogni persona. Per me un intervento può essere regolare per un altro può essere fallo. In più c’è stata la confusione causata dalla valutazione sul fallo di mano, siccome abbiamo bisogno di regole semplici sarei propenso a dare sempre calcio di rigore in caso di tocco di mano, così da ovviare a tutta questa incertezza.“

Aneddoto di campo: “Ricordo di aver chiesto scusa a Zidane per non aver fischiato immediatamente un’entrata dura ed in ritardo nei suoi confronti visto che mi ero soffermato a guardare un suo sontuoso stop su un lancio di quaranta metri. Mi viene in mente anche la rovesciata di Djorkaeff in Inter-Roma, anche lì mi presi qualche secondo prima di convalidare la rete, esterrefatto da tanta bellezza.”

Gattuso in campo: “Era fantastico, un persona onesta con se stesso e con gli arbitri, rispettava i ruoli, non era mai plateale e poi aveva la grande dote di ammettere e di riconoscere i falli commessi”.

La parte brutta del calcio: “Odio i simulatori che per me rappresentano la parte brutta del calcio”.

Resta aggiornato. Ti invieremo una mail solo per le novità


Non ti preoccupare niente SPAM , lo odiamo quanto te.


Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/europac3/public_html/wp-content/themes/trendyblog-theme/includes/single/post-tags-categories.php on line 7

About author

Cristiano Abbruzzese
Cristiano Abbruzzese 6821 posts

Giornalista pubblicista dal luglio 2012, è il direttore di EuropaCalcio.it.

View all posts by this author →

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply