Gravina: “Priorità assoluta al valore della competizione sportiva”

Gravina: “Priorità assoluta al valore della competizione sportiva”

GRAVINA PRIORITA' COMPETIZIONE SPORTIVA - Il presidente della FIGC: "Impossibile una Serie A a 22 squadre"

GRAVINA PRIORITA’ COMPETIZIONE SPORTIVA – Bella iniziativa della Federcalcio che, per fronteggiare l’emergenza Covid-19, ha deciso di mettere a disposizione della Protezione Civile fiorentina il Centro tecnico federale di Coverciano. La decisione del presidente della Figc, Gabriele Gravina, è stata comunicata al Sindaco di Firenze Dario Nardella; che sta coordinando le attività sul territorio del capoluogo toscano. Ecco le parole di Gravina a Sky Sport24 sul momento del calcio.

Sull’iniziativa: “Il mondo del calcio sta mostrando grande sensibilità e forte senso di responsabilità. Siamo tutti scesi in campo contro l’emergenza, Federazione, Leghe, Club, calciatori e allenatori, raccogliendo fondi e amplificando i messaggi delle autorità governative. La salute è il bene primario che va tutelato, per questo la Figc apre agli italiani in difficoltà il Centro di Coverciano. Ora non si gioca a calcio, per tornare a farlo vinciamo insieme la partita più importante contro il Coronavirus. Il calcio è migliore di come lo vogliono far apparire”.

 

GRAVINA: “PRIORITA’ COMPETIZIONE SPORTIVA”

GRAVINA PRIORITA’ COMPETIZIONE SPORTIVA – Sull’ipotesi di ripresa del campionato. “Ci siamo già attivati per chiedere a Uefa e Fifa la possibilità di sforare la deadline del 30 giugno. L’ipotesi è arrivare fino al 30 luglio con ripartenza del campionato nel mese di maggio.

Vogliamo dare priorità assoluta al valore della competizione sportiva, vorremmo arrivare a definire gli organici sul campo; ma dobbiamo rispettare le ordinanze, le indicazioni che arrivano dalle massime autorità politiche e scientifiche.

Se non si potrà giocare, faremo una serie di riflessioni per salvare comunque il valore della competizione sportiva finora raggiunta sul campo. Ma non abbiamo ancora dato grande attenzione a questa ipotesi perché, pure in un momento di grande difficoltà, permettetemi di essere ottimista.

Se verrà assegnato lo scudetto se non si riprenderà a giocare? Nel caso ne parleremo in consiglio federale”.

Sulla Serie A a 22 squadre: “Impossibile. Sarebbe un campionato ingestibile. Di ipotesi ne sono state fatte tantissime, ma la stella polare sono le nostre norme, e non è facile modificare il format dei campionati.

L’ipotesi di passare ad una serie A a 22 squadre dovrebbe confrontarsi con un campionato che probabilmente partirà già in ritardo; e dovrà comunque finire a maggio 2021 per l’Europeo. Mi apparirebbe cosa schizofrenica avere l’esigenza di giocare meno partite e fare una A con 22 squadre.

Sono preoccupato per tutto il calcio, la A, la B, la C e il mondo dilettantistico. Anzi, comincerei da lì perché è un settore che rischia di perdere oltre tremila società: un disastro”.

Resta aggiornato. Ti invieremo una mail solo per le novità


Non ti preoccupare niente SPAM , lo odiamo quanto te.


Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/europac3/public_html/wp-content/themes/trendyblog-theme/includes/single/post-tags-categories.php on line 7

About author

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply