Gli arbitri non trovano accordo sul presunto fallo di Benatia su Lucas Vazquez

Gli arbitri non trovano accordo sul presunto fallo di Benatia su Lucas Vazquez

Non c’è unanimità tra i colleghi di tutto il mondo sull’episodio del presunto fallo di Benatia a Lucas Vazquez e sul conseguente rigore che ha permesso al Real di raggiungere le semifinali

Non si parla d’altro. L’intervento di Benatia su Lucas Vazquez è il tema protagonista delle conversazioni di tutto il mondo. Il Real Madrid si è qualificato per le semifinali di Champions League dopo che Cristiano Ronaldo ha neutralizzato Szczesny dal dischetto al 98° minuto. Un giorno dopo, non c’è ancora un verdetto preciso sull’azione. Gli arbitri spagnoli e internazionali hanno voluto mostrare la loro opinione… e non sono d’accordo.

Andújar Oliver, ex arbitro spagnolo e commentatore di Radio MARCA, dopo aver visto diverse volte l’intervento di Benatia, ritiene che non c’erano gli estremi per il calcio di rigore. “Non c’è abbastanza contatto per dichiarare la penalità massima, Benatia tocca addirittura la palla“. Ansuátegui Roca afferma quanto segue: “E ‘rigore. Quello che succede è che i rigori che cambiano il risultato in una frazione determinante sono sempre molto discussi. C’è una spinta, il difensore salta sull’attaccante e lo butta giù“.

Iturralde González ha spiegato a La Ser che non c’era abbastanza contatto per segnalare un calcio di rigore. L’arbitro Michael Oliver, quindi, ha sbagliato nell’azione: “Lo sbilanciamento di Benatia su Lucas Vazquez non è sufficiente, non avrebbe dovuto fischiare rigore“, ha detto lo spagnolo.

Un altro arbitro spagnolo, Rafa Guerrero, si è espresso sui social network sulla controversa azione al Bernabéu: “Cercare di togliere una palla del genere in quel modo è sempre fallo e se è all’interno dell’area è rigore. Posso capire che il momento in cui è successo è stato doloroso per coloro che non tifavano Real Madrid, ma la verità è che era calcio di rigore“.

Da parte sua, Felipe Ramos Rizo, arbitro messicano che ha partecipato alla Coppa del Mondo in Corea e Giappone nel 2002, ritiene che Oliver sia stato corretto: “Non vedo polemiche nel rigore, l’arbitro semplicemente ha applicato una regola. Calcio di rigore ben sanzionato a favore del Real Madrid “, ha scritto sul suo profilo Twitter ufficiale.

Un altro arbitro messicano, Gilberto Alcalá Pineda, non è d’accordo con il suo connazionale Felipe Ramos Rizo. “Non era rigore“, ha detto diverse volte mercoledì sera.

Graham Poll, arbitro inglese con più di 20 anni di esperienza e che attualmente dirige partite in Premier League, ha voluto fare riferimento al presunto fallo durante Real Madrid-Juventus e ha difeso l’arbitro della partita. “Michael Oliver ha dimostrato coraggio ed è stato corretto al Bernabéu. E’ stato abbastanza coraggioso da segnalare un rigore. Circondato vergognosamente da una mezza dozzina di giocatori della Juventus, l’arbitro è stato calmo e l’espulsione di Buffon è stata corretta. E’ un peccato che la Federazione inglese non abbia promosso Michael Oliver prima, perché sarebbe potuto andare alla Coppa del Mondo in Russia”.

Previous Bayern Monaco, ad un passo il rinnovo di Robben e Ribery
Next Europa League, ritorno dei quarti di finale: le formazioni ufficiali

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.