GENOA VERONA NICOLA Si salva il Grifone. Grazie al 3 a 0 rifilato al Ferraris al Verona ed in virtù della sconfitta del Lecce per 4 a 2 contro il Parma, la formazione di Nicola raggiunge 39 punti e resta nella massima serie.

GENOA VERONA NICOLA Partita già chiusa nel primo tempo grazie alla doppietta di Sanabria ed al gol di Romero. Nella ripresa, nonostante l’espulsione di Romero, il Verona non crea pericoli, il Genoa tiene bene il campo.

GENOA VERONA NICOLA A fine gara, intervistato da Dazn, il mister del Grifone analizza la salvezza facendo un riassunto della stagione.

La cosa gratificante di tutta questa avventura è che ha dimostrato e confermato le parole dette all’inizio. È stata un’avventura fantastica, frutto di 7 mesi di grandissimo impegno. Ce lo mettono tutti, io ci metto il mio: è come se ci fossimo salvati due volte, perché questo campionato passerà alla storia. Ricordo che questa squadra ha delle qualità, qualità che magari non era riuscita magari a esprimerle.

Siamo arrivati alla 18ª partita a 4 punti dalla salvezza e in poche partite abbiamo dovuto acciuffare il Lecce e siamo finiti a +4. Avremmo meritato di salvarci prima, ma è stato un campionato strano e un po’ estenuante. Quel che mi interessa è che la squadra dal mio arrivo ha totalizzato i punti per essere 9° in classifica.

Non raggiungere l’obiettivo, da questo punto di vista, sembrava un fallimento. Un gran lavoro a prescindere era guardare la partita e non soltanto i risultati: è utile per la gente ma soprattutto per i giovani”

GENOA VERONA NICOLA  Una salvezza voluta, sudata fino alla fine anche se non sono mancati i momenti difficili come le tante sconfitte dopo il lockdown ed il tremendo blackout di Sassuolo

“Stasera vado a casa, abbraccio mia moglie e i miei figli che sono stati 20 giorni con me a gestire questa cavalcata. E vi assicuro che non credo abbiano passato delle vacanze incredibili. La soddisfazione e la gratificazione di tornare a casa e vedere gli occhi dei miei figli è la cosa più bella”.

Il tecnico ha poi ringraziato uno dei protagonisti di questa salvezza, Pandev, autore di gol decisivi, rigori cercati ed assist:

“Goran mi ha detto delle parole bellissime, mi ha ringraziato e questa per me è la cosa più importante perché le relazioni sono la base migliore per gestire il rapporto. Le persone possono fare la differenza e per farlo devi far credere che tutti possano essere utili, che arriverà per tutti la situazione per poter dare una mano al gruppo. Faccio i complimenti comunque agli avversari, in questo caso il Lecce, che è stato con noi fino alla fine per poterla spuntare. Credo che loro abbiano fatto un grande lavoro a prescindere dal risultato. Vorrei dar merito agli avversari”. 

Dedica con maglietta particola per Nicola a fine gara:

“È un ringraziamento per la mia gente, per la nostra splendida tifoseria che non avevamo vicino. Mi è spiaciuto non averla stasera e sentire il suo boato ed esserne trasportato. È una forma per sdebitarmi. Tanto tempo fa mi fecero un regalo, che non scorderò mai, e quando sono arrivato mi diedero una foto che neppure ricordavo di aver fatto. Oggi ho voluto ringraziarli e sdebitarmi con questa gente”.

Articolo precedenteFiorentina Commisso Chiesa: “Via con l’offerta giusta, su Iachini…”
Articolo successivoGenoa Verona Paro:” Siamo arrivati un po’acciaccati in questa fase finale”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui