In casa Genoa brucia ancora la sconfitta contro il Parma di ieri al Ferraris arrivata in rimonta. Nonostante il ko brilla ancora la stella Piatek: un gol ed un palo interno. Quota 9 gol in campionato e a segno da sette gare consecutive nella massima serie.
L’attaccante polacco, fresco di convocazione nella sua nazionale, è stato portato al Genoa con una grande operazione di Preziosi. Il patron del Genoa, ai microfoni di Gianlucadimarzio.com, ha parlato del suo gioiello e di come è arrivato in rossoblù:

Era una serata tranquilla con il procuratore Gabriele Giuffrida. Lui  mi fece un nome: quello di Piątek. Gli dissi, come faccio con tutti, di mostrarmi i filmati. Li aveva pronti, li abbiamo guardati:al primo impatto mi è sembrato di rivedere in campo Gigi Riva: ha il tiro chirurgico, sa calciare i rigori, colpisce di testa, non esita mai, è sempre nel mezzo dell’azione e arriva primo su praticamente tutti i palloni. Ho colto la palla al balzo e l’ho preso. La trattativa è durata pochissimo, quasi nulla. Il Cracovia ci ha fatto una richiesta, noi l’abbiamo adattata un pochino alle nostre esigenze”

Preziosi si coccola la sua punta elogiandola a livello mondiale:

“Per me lui è uno dei migliori non in Italia, non in Europa, ma al mondo.Lewandowski è già dimenticato. Se ripenso a lui e penso ora a Piątek. non mi viene altro da dire: Krzysztof è potenzialmente meglio di lui. Molto meglio. Per Lewandowski era tutto fatto nel 2010, ma poi il suo agente creò qualche problema di troppo e non si concluse più nulla”

Articolo precedenteItalia, Mancini: “Balo e Belotti fuori forma, mai parlato con Allan, e su Insigne…”
Articolo successivoGenoa, Ballardini a rischio

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui