GENOA ANDREAZZOLI – Molto rammarico per il tecnico rossoblù a fine partita dopo la sconfitta in rimonta contro il Milan.

GENOA ANDREAZZOLI – Crea ma distrugge con errori banali il Grifone. Finisce 2 a 1, ma la squadra ha lottato e giocato a differenza delle ultime partite.

GENOA ANDREAZZOLI – A fine gara il tecnico ha cosi analizzato la partita come riportato da Tmw.

Credo che sia un fatto non una sensazione e credo che sia un fatto che sia stato apprezzato e riconosciuto da tutti. La partita credo che abbia preso la fisionomia che noi speravamo in sede di presentazione.

Io ero quasi certo che avremmo fatto questa gara perché noi abbiamo lavorato in settimana in attesa che questo momento arrivasse. Come si diceva ieri, succede però che gli episodi fanno pendere il tutto da una parte o dall’altra.

Mi riferisco agli episodi positivi come Lerager ad inizio gara o a fine primo tempo l’occasione di Romero. All’intervallo ho fatto loro i complimenti e chiesto di fare qualcosina in più per portare a casa il match.

Siamo stati bravi, abbiamo fatto tutto quello che avevamo preventivato di fare con tanto cuore. Poi in due o tre minuti nella ripresa l’abbiamo buttato all’aria con due episodi, il primo dei quali è ingiustificato perché abbiamo fatto una scelta da bambini.

Successivamente abbiamo pagato doppiamente con il rigore e l’espulsione. Poi abbiamo comunque fatto bene non concedendo niente al Milan, i ragazzi sono stati stupendi.

Dal mio punto di vista sono estremamente soddisfatto e il mio punto di vista deve tenere in considerazione aspetti oggettivi e non sensazioni. Però il campo ha detto questo e lo accettiamo”.

Sulla direzione di gara Andreazzoli si é così esposto:

Non parlo degli arbitri, rispetto le loro decisioni, fanno un lavoro difficile. I rigori per me c’erano tutti e due, li ho rivisti, ma non mi permetto di entrare in merito al loro operato”.

GENOA ANDREAZZOLI – Il mister ha poi parlato della classifica:

Perdere un calciatore come il nostro capitano dopo dieci minuti è stato un danno non da poco. Perderlo per un po’ di tempo è un danno maggiore.

Biraschi, nonostante sia entrato a freddo, ha fatto molto bene. Il calcio di rigore c’era ma l’espulsione è stato un doppio anno.

Romero era in diffida ed è squalificato, Saponara espulso dalla panchina. E’ fastidioso pensare di dover rinunciare a tre elementi della difesa ma ci saranno altri giocatori che aspettano il loro turno e lo faranno nel migliore dei modi”.

È arrivata ancora una sconfitta e oggi più che mai la panchina del tecnico è ancora a rischio.

E’ finita la partita da cinque minuti e io ho sentito il presidente? Mi sembra inopportuna una domanda così.

Non l’ho sentito ma l’ho sentito all’ora della merenda perché aveva piacere venirci a salutare ma purtroppo è rimasto imbottigliato in autostrada. Ora è prematuro”.

LEGGI, ANCHE, AD ESEMPIO:

  1. Cagliari, Maran: “Roma completa, noi compatti ma cerchiamo più presenza nella metà campo offensiva”
  2. Napoli, Mertens: “Mi sento napoletano, e se batto il record di Hamsik…”
  3. Lazio, Milinkovic-Savic ha già firmato il rinnovo fino al 2024
  4. Inter-Juve, Vucinic alla Gazzetta: “Conte fra i migliori, ma vincerà la Juve 1-0”
  5. Inter Barella alla Gazzetta: “Juve? Siamo allo stesso livello. Dobbiamo concretizzare di più”
  6. Sampdoria, Di Francesco: “Verona in buon momento, non è partita della vita”
  7. Manchester City, Guardiola: “Cancelo inizia solo ora a capire cosa voglio”
  8. Cagliari, Nandez: “A Roma con garra, mi piace il calcio italiano e la Sardegna”
  9. Juventus, Bonucci: “Inter partita alla grande. Pronti a combattere”
  10. Verona, Juric: “Sampdoria merita di più, gara che va affrontata bene”
Articolo precedenteAtalanta, Gasperini: “Bilancio? Ottimo, se vinciamo contro il Lecce sarà eccellente”
Articolo successivoSerie B 7a giornata, risultati e classifica: colpo Chievo, sorrisi per Crotone, Perugia, Pordenone, Benevento e Stabia

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui