FLORENZI – Alessandro Florenzi, in collegamento da Valencia è intervenuto su #CasaSkySport. Queste le sue parole:

Personalmente sto bene, vivo molto bene qui, mi sto godendo le mie splendide creature come non ho mai fatto nella mia vita e mi alleno come posso. L’iter spagnolo è quello dell’Italia, solo siamo andati prima in quarantena e il contagio si è un pò attenuato rispetto all’Italia. Il virus mi ha insegnato a vivere giorno per giorno e capire cosa può darmi ogni giorno“.
Differenze SpagnaItalia:Il calcio qui è leggermente più aperto, ho constatato una cosa, c’è la stessa passione ma non si vive come in Italia, soprattutto come a Roma”.
Perché non una squadra italiana per Florenzi:Nella mia testa c’era sempre stata quella di fare un’esperienza all’estero. E’ arrivata questa opportunità a gennaio dopo aver parlato con il mister Fonseca. Mi sono sentito di chiamare il mister della Nazionale, è stato molto aperto, l’importante era che andassi a giocare”.
Sul mister Rudi Garcia:E’ sveglio, mi ha messo terzino destro quando serviva. Mi ha usato in diverse situazioni, è un allenatore molto spagnolo, gioca un bel calcio e sa tenere il gruppo. Il miglior Florenzi è quello che gioca felice, mi trovo bene in un calcio offensivo e le mie qualità si possono vedere dalla metà campo in su“.
Sulla fascia da capitano a Roma:Ogni bambino ha un cassetto con dentro dei sogni, fino ad esso, li ho fatti quasi tutti. Volevo giocare a pallone, diventare un giocatore importante per la città dove sono nato, essere capitano, essere in Nazionale, fare gol, giocare la Champions League… mi mancano solo due-tre sogni nel cassetto, vincere qualcosa di importante con club e Nazionale, oltre che giocare il Mondiale. Da Totti e De Rossi ho imparato che la Roma viene prima di tutto, ho continuato ad allenarmi a duemila all’ora senza dire una parola, rispettando i ruoli e le persone“.
Qui per tornare in homepage.
Articolo precedenteFiorentina Cutrone: “Iachini l’allenatore giusto. Sul coronavirus…”
Articolo successivoJuventus Paulo Sousa: “Sarebbe un sogno allenare i bianconeri”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui