Nicolas Burdisso, attuale Direttore Tecnico della Fiorentina, avrebbe in mente diversi nomi per il futuro dei viola: torna in auge Dia

Un finale di campionato da onorare nonostante la lunga distanza dalla zona Europa, una finale di Coppa Italia da conquistare, la seconda consecutiva dopo quella persa con l’Inter nella passata stagione; un percorso in Conference League per rendere realtà un sogno svanito proprio sul più bello, sempre nel corso dell’annata 2022/2024. Per la Fiorentina, poi, sarà tempo di futuro e di scelte importanti, dalla panchina al campo. Non verrà risparmiato nessun ruolo, nulla verrà lasciato al caso. A confermarlo, è La Gazzetta dello Sport, con la Rosea che si sofferma sulla prossima estate targata Nicola Burdisso, attuale Direttore Tecnico chiamato a sostituire un tecnico segnalato in uscita da tempo, Vincenzo Italiano e, di conseguenza, adattare la rosa alle richieste del probabile nuovo allenatore.

I nomi sul taccuino sarebbero tanti, molti ricondurrebbero all’Argentina, patria dello stesso dirigente, laddove si segnalano tanti talenti che potrebbero fare al caso dell’ambizioso progetto viola. Su tutti, dal Boca Juniors, un profilo sarebbe ben presente sulla scrivania dell’ex centrale della Roma e dell’Inter, tra le altre, ossia quello di Juan Jimenez. Il centrale classe 2006 è un prodotto del vivaio argentino e andrebbe a risolvere il rebus riguardante il futuro di Martinez Quarta, centrale in orbita Juventus e Napoli, ma non solo.

Fiorentina: testa al presente, ma anche al futuro: tutti i nomi di Burdisso. Dia…

La rivoluzione programmata dalla dirigenza viola porterebbe scelte forti anche in altri ruoli: per la porta, un nome fortemente in auge sarebbe quello di Rui Silva, estremo difensore del Betis Siviglia già sondato anche dalla Lazio come alternativa a Provedel. A centrocampo, il profilo maggiormente seguito sarebbe quello di Ibrahima Sissoko, ventisettenne centrocampista dello Strasburgo che andrebbe a rinforzare la mediana in virtù della propria fisicità e dinamismo. In tal senso, importante sarà valutare il futuro di Amrabat, mediano di ritorno dopo la controversa esperienza a Manchester, sponda United.

Nel reparto offensivo, infine, la viola potrebbe tornare a sondare il terreno per Boulaye Dia, centravanti ai ferri corti con la Salernitana e già in orbita Firenze nel corso della scorsa sessione estiva. Testa al presente, con diversi percorsi da ultimare; poi, per la Fiorentina, sarà tempo di pensare all’avvenire.

Articolo precedenteDe Ketelaere: “Vorrei rimanere all’Atalanta. Sul Milan…”
Articolo successivoFiorentina, Ferrari nuovo Direttore Generale: l’annuncio di Commisso

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui