Fiorentina ritorno Iachini: “Sono a casa. Ragazzi abbattuti, ma determinati”

147

Fiorentina ritorno Iachini – Dopo l’addio di Cesare Prandelli alla Fiorentina, la società ha deciso di richiamare Iachini alla guida della viola. Un ritorno importante per il tecnico, che ha il compito di dare una sterzata decisa a un momento sottotono. Quest’oggi, ai canali ufficiali del club, Iachini ha parlato del suo nuovo incarico. Di seguito le sue dichiarazioni riportate da gianlucadimarzio.com:

La Fiorentina per me non è come tutte le altre. È la squadra del cuore, per l’affetto che ho provato qui sia da calciatore che da allenatore. Ho grandi rapporti con l’ambiente, la piazza e la squadra. Ci siamo ritrovati stamattina, i ragazzi li ho visti un po’ abbattuti per i risultati ma anche vogliosi di fare bene. Ci aspettano 10 partite dure e dobbiamo farci trovare pronti. Avrei preferito avere con me anche i giocatori delle nazionali, ma lavoreremo con quelli rimasti”.

Con il suo ritorno ha trovato alcuni giocatori nuovi.
Malcuit lo conoscevo, viene da un infortunio ma cercheremo di averlo al meglio. Kokorin? Mi auguro che anche lui si inserisca in fretta”.

Cosa vuole dire a Cesare Prandelli?
Saluto Cesare Prandelli con cui ho grande amicizia, mi è dispiaciuto di questa sua situazione. Non avevo l’aspettativa di tornare, ma nel calcio accade anche questo. Quando la Fiorentina mi ha richiamato in questo momento di difficoltà – come l’anno scorso – ho accettato e cercherò di dare il massimo. Dobbiamo trovare compattezza, spirito e organizzazione”.

Fiorentina ritorno Iachini – Ha sentito il presidente Commisso?
Commisso mi ha chiamato e mi ha fatto piacere, abbiamo un ottimo rapporto. Lui è il nostro primo tifoso e merita tante soddisfazioni. Ci sta sempre vicino, anche quando è lontano. Cercheremo di farlo stare più sereno e di renderlo orgoglioso di noi. I tifosi ci mancano, come a tutti. Andremo in campo anche per loro

Articolo precedenteEx agente Icardi: “Il Napoli ci provò dopo una doppietta alla Juve”
Articolo successivoNapoli Mertens: “Qui sono un re, posso giocare fino a 40 anni”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui