Nessuna delle due poteva sbagliare: la Fiorentina per non perdere il treno per l’Europa, la Lazio per rincorrere quello per la Champions. Alla fine ne è uscito il più classico dei pareggi che non serve a nessuno. Viola e biancocelesti si dividono i tempi. Nel primo meglio gli ospiti che passano con Immobile e sprecano tanto, nella ripresa meglio i toscani che si vivacizzano con l’ingresso di Mirallas e trovano il pari con Muriel.

 

La Partita

Pioli deve fare a meno di Lafont che non riesce a recuperare: gioca Terracciano in porta. In difesa c’è Ceccherini con Pezzella, con Milenkovic che fa il terzino destro. Davanti c’è Muriel al centro del tridente con Chiesa e Gerson ai suoi lati. Panchina, quindi, per Simeone. Inzaghi risponde con il duo Correa (che ha vinto il ballottaggio con Caicedo) ed Immobile in attacco. Luis Alberto e Milinkovic fanno le mezzali. Dietro gioca Patric.

Il primo tempo è completamente a tinte biancocelesti. Dopo un inizio abbastanza equilibrato, la scelta di Inzaghi di premiare la qualità inizia a dare i suoi frutti al minuto 21: azione tutta di prima della Lazio con Immobile messo in porta dalla verticalizzazione di Milinkovic. L’azzurro calcia davanti a Terracciano ma l’estremo difensore della Fiorentina è miracoloso a deviare e mandare sul palo la sfera. Poco male, perché due minuti dopo la Lazio passa. Scambi stretti tra Correa e Immobile che alla fine calcia col destro da fuori fulminando Terracciano che stavolta non può nulla. 0-1.

Ma le brutte notizie, si sa, non vengono mai da sole: Pioli è costretto a cambiare Chiesa per un problema muscolare. Dentro Simeone con Muriel che passa a fare l’esterno. E non è la stessa cosa. Poco prima del cambio però i capitolini avevano sfiorato il raddoppio con la conclusione di Milinkovic respinta in angolo da Terracciano. L’ex Empoli è ancora attentissimo al minuto 44 quando Immobile, imbeccato splendidamente da Patric, calcia: altra grande parata. Primo tempo che finisce, quindi, con la Lazio in vantaggio. Male la Fiorentina.

 

I secondi 45 minuti si aprono con un’altra sostituzione da parte di Pioli che toglie Fernandes per inserire Mirallas, con Gerson che arretra a centrocampo nel nuovo 3-5-2 in cui il neoentrato fa l’esterno destro con Biraghi dall’altra parte. E questo cambio porta i suoi frutti. La Lazio piano piano sparisce dal campo e la Fiorentina prende coraggio e al minuto 61 trova il pareggio. Mirallas si beve Radu sulla destra e fa partire un gran traversone che Muriel pizzica con estrema eleganza bucando Strakosha: 1-1 e palla al centro.

Pochi secondi dopo i viola vanno vicini addirittura al vantaggio. Simeone scappa sulla sinistra e mette dentro un pallone rasoterra sul quale si fionda come un treno Mirallas che però spara altissimo. La partita diventa equilibratissima ed entrambe le squadre capiscono di poter portare a casa i 3 punti. Alla fine, però, di occasioni da gol non se ne vedono. Al Franchi finisce 1-1 ed è un pareggio che non serve a nessuna delle due.

 

Il Tabellino

Fiorentina (4-3-2-1): Terracciano; Milenkovic, Pezzella, Ceccherini (80′ Vitor Hugo), Biraghi; Benassi, Fernandes (46′ Mirallas), Veretout; Chiesa (36′ Simeone), Gerson; Muriel. All.: Pioli.

Lazio (3-5-1-1): Strakosha; Patric, Acerbi, Radu (83′ Bastos); Marusic, Milinkovic, Leiva, Luis Alberto (74′ Romulo), Lulic (67′ Badelj); Correa; Immobile. All.: Inzaghi.

Arbitro: Orsato di Schio.

Gol: 23′ Immobile (L), 61′ Muriel (F)

Ammoniti: Ceccherini, Veretout, Simeone (F); Immobile (L).

 

Articolo precedenteDall’Inghilterra: non solo Atletico e Real, anche l’Arsenal su Tagliafico
Articolo successivoSerie A, Fiorentina – Lazio 1-1, Inzaghi: “Deluso per il risultato, ma ci crediamo ancora”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui