FIORENTINA COMMISSO STADIO – Al termine dell’incontro a Palazzo Vecchio col sindaco di Firenze Dario Nardella, il patron della Fiorentina Rocco Commisso ha fatto il punto della situazione sulla questione relativa al nuovo stadio.

FIORENTINA COMMISSO STADIO – Queste le sue dichiarazioni riportate dal Corriere dello Sport.

“Per come la penso io, voglio distruggere tutto e rifare le cose da capo. Il Franchi non è il Colosseo: io non sto chiedendo di gettare giù il Colosseo o Palazzo Vecchio. Domani – prosegue Commisso – sarò a Campi Bisenzio e incontrerò il sindaco perché dobbiamo guardare tutte le opportunità. 

La situazione qui rimane quella che avevo detto a giugno: se le cose non si possono fare dentro i limiti della legge italiana non si farà niente. I tre punti base per fare lo stadio rimangono: il controllo dell’operazione, tempi ‘fast, fast, fast’ e costi ragionevoli.

Dobbiamo andare al Ministero a Roma, si dovrà fare un progetto preliminare: io credo che la nuova legge sugli stadi sia stata cambiata per fare qualcosa. Al Franchi ci sono problemi di tipo sismico – afferma Commisso – di rispetto degli standard Uefa, dei sanitari. Se non mi fanno fare le cose e dovesse succedere qualcosa in quello stadio la responsabilità se la prenderà chi mi dirà di no”, ha chiosato il presidente della Fiorentina.

Articolo precedenteGenoa Faggiano Balotelli: “Può fare ancora bene, vedremo…”
Articolo successivoSuarez Atletico Madrid, intesa raggiunta tra le parti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui