FIORENTINA: BESTA E RATIU NEL MIRINO, BREKALO AI SALUTI – In casa Fiorentina è tempo di accoglienze e di addii. I Viola sondano più piste sul mercato per rinforzare una squadra traballante. I due reparti che richiedono innesti sono la difesa e l’attacco.

Il pacchetto arretrato è in difficoltà per l’assenza di un vice Kayode. Il difensore di Italiano, al momento, è l’unica pedina a disposizione per l’out di destra visto anche l’infortunio di Dodo, out almeno fino a marzo. L’obiettivo numero uno del ds Pradè e del dt Burdisso è Andrei Ratiu. Difensore romeno del Rayo Vallecano, il classe ’98 non sta trovando continuità in Liga e un approdo in Serie A potrebbe giovare alla sua carriera.

Il cartellino di Ratiu è in comproprietà tra Rayo e Villarreal, dunque le parti da contattare sono molteplici ma la strada per portare Andrei a Firenze non pare tortuosa.

FIORENTINA: BESTA E RATIU NEL MIRINO, BREKALO AI SALUTI

Per il reparto offensivo l’indiziato numero uno è Jan-Niklas Beste. L’attaccante dell’Heidenheim piace molto a Vincenzo Italiano, visti i numeri da giocatore completo. Beste ha fin qui realizzato 5 gol e servito 8 assist in 13 presenze, un bottino interessante per un giocatore di una neopromossa in Bundesliga. Oltre all’attaccante tedesco, Pradè monitora i profili di Grull dell’Austria Vienna e di Pedro de la Vega del Lanus.

Quest’ultimo è un pupillo del direttore tecnico viola Burdisso (essendo connazionali) tuttavia, per gli attuali schemi della Fiorentina, serve un profilo di spessore e abituato al calcio europeo.

Infine si apre il discorso cessioni. Ad oggi, tra i sicuri partenti c’è Josip Brekalo. In questa stagione, l’esterno ha visto il campo per soli 17′ e lo scarso impiego ha spinto il giocatore a chiedere la cessione.

Su Brekalo c’è l’interesse della Dinamo Zagabria. Per Josip, l’approdo al club croato rappresenterebbe un ritorno al passato, avendo fatto la gavetta per arrivare al calcio che conta proprio nelle giovani della squadra della capitale croata.

Articolo precedenteBologna, il treno per l’Europa passa anche dal mercato
Articolo successivoGenoa, il Barcellona offre 30 milioni per Dragusin: no secco

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui