La Fiorentina del mister Vincenzo Italiano perde la finale di Conference League ad Atene contro l’Olympiacos al termine di una partita non bella, lunga, decisa solo a cinque minuti dalla fine del secondo tempo supplementare dopo controllo del Var che convalida il gol dell’attaccante marocchino El Kaabi, capocannoniere della competizione già prima del match con dieci gol in otto partite.

Dopo la sconfitta nella scorsa finale di Conference contro il West Ham, nei regolamentari ma ancora ad un passo dal triplice fischio e questa delusione, Italiano ha commentato così ai microfoni Sky Sport:

Dispiace per la seconda volta, dispiace perché anche oggi abbiamo avuto tante situazioni per andare in vantaggio e poi pareggiarla con l’ultima palla, i ragazzi hanno fatto tutto quello che c’era da fare, abbiamo lottato contro una squadra che non ti permette belle partite. Non meritiamo di perdere una partita del genere, si poteva andare ai rigori ma per me è una grande delusione, terza finale (due Conference e una Coppa Italia), non abbiamo ancora malizia, scaltrezza per vincere queste partite secche, bisogna accettare anche queste sconfitte“.

Il tecnico dei toscani conclude: “Erano tutti pronti, preparati, concentrati, si può anche non incidere per come si vorrebbe ma penso che tutti scesi in campo abbiano dato tutto quello che potevano. Non riusciamo a trovare quello spunto, riuscire a scappare noi. Perdere fa male, arrivare così in fondo è un grande merito, bisogna alzare un trofeo e non ci siamo riusciti, fa parte di un processo accettare anche le sconfitte. Dispiace veder piangere i ragazzi, potevamo trasformare l’epilogo in maniera diversa rispetto all’anno scorso. Il futuro? In questo momento anche io ho un cuore, uno che vive di emozioni e in questo momento sono troppo deluso, amareggiato, dispiaciuto, insieme ai ragazzi ero il primo a crederci. Domenica si chiuderà la stagione a Bergamo, poi mi vedrò con il Presidente e il direttore“.

Con questo risultato, il Torino non prende il posto della Fiorentina nella prossima Conference League.

 

OLTRE A “FINALE CONFERENCE LEAGUE, FIORENTINA“, LEGGI, ANCHE, AD ESEMPIO:

  1. Udinese, Pozzo autocritico: “Anno particolare, ho avuto paura, il progetto non era questo”
  2. Verona, Sogliano: “Ritorno grande soddisfazione, uniti nelle difficoltà. Baroni, Ngonge, il mercato belga e olandese…”
  3. Verona, Setti: “Senza rivoluzione nessuna salvezza, viviamo di plusvalenze”
  4. Ranieri: “Cagliari, chiuso un cerchio, forse una Nazionale in futuro. Atalanta meravigliosa”
  5. Finale Europa League, Atalanta batte Leverkusen: Lookman eroe della notte
  6. Salvezza Verona, capolavoro Baroni dopo Ranieri: Suslov-Folorunsho per l’aritmetica contro la Salernitana
  7. Premier League, Man City ancora campione: è il quarto di fila. Tutti i verdetti
  8. Salvezza Cagliari, Giulini: “Primo pensiero a Gigi, grazie Ranieri e tifosi”
  9. Sassuolo-Cagliari 0-2, è salvezza: Prati sblocca e Lapadula chiude affondando i neroverdi
  10. Inter, Inzaghi premiato a Piacenza: “Migliorarsi non sarà semplice, società forte”
  11. D’Aversa: “Lecce, chiedo ancora scusa, grazie Gotti. Felice per la meritata salvezza”
  12. Liga, Real Madrid campione 2023/24: ottenuta l’aritmetica, testa alla Champions
  13. Inter, Bastoni: “Sento di ripagare questo affetto, ancora fame. Inzaghi, Sommer, Thuram…”
  14. Parma promosso in Serie A: Pecchia può festeggiare
  15. Aston Villa-Emery allineati e ancora insieme: niente Milan
  16. Bundesliga, Bayer Leverkusen campione: rotta l’egemonia Bayern
  17. Verona, Sogliano: “Lotta fino alla fine, giovani con voglia ed entusiasmo, linea ben precisa. Ngonge, Manolas…”
  18. Barcellona, Xavi: “Lavoro non apprezzato nel quotidiano”. Al successore: “Divertiti, impossibile”
  19. Panchina d’oro, Spalletti: “Evoluzione continua, spero possano vincerla anche tanti altri bravi”
  20. Morte Gigi Riva: lutto per la Sardegna e per il calcio italiano
  21. Cagliari, Luvumbo dev’essere una risorsa e non  una soluzione
  22. Nizza, Farioli si racconta ad Euro Show
Articolo precedenteUFFICIALE Kompany è il nuovo allenatore del Bayern Monaco
Articolo successivoGasperini: “Percorso fantastico, in tanti tifavano per noi. Sul Real Madrid dico…”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui