Europa League, Lazio-Dinamo finisce 2-2

Europa League, Lazio-Dinamo finisce 2-2

Tra le emozioni regalate dagli ottavi di finale d’andata di Europa League non sfigura certamente un Lazio-Dinamo Kiev aperto a mille ribaltamenti di fronte. All’Olimpico finisce 2-2: la Lazio concede due gol interni ma è ancora in corsa, dovrà vincere in Ucraina per regalarsi i quarti di finale in programma da aprile.

Cronaca

Primo tempo avaro di emozioni, i primi 45 minuti finiscono a reti involate. Luis Alberto in panchina, alla Lazio manca l’interruttore per accendere la luce. Nel secondo tempo partenza molle dei biancocelesti, che sbagliano marcatura e subiscono il vantaggio ucraino: segna Tsigankov, forse l’elemento emergente di maggior tasso tecnico della formazione allenata da Khatskevich. Il gol incassato sveglia i padroni di casa: verticalizzazione di Felipe Anderson e realizzazione perfetta di Immobile, che parte sul filo del fuorigioco e trasforma con uno dei suoi diagonali perfetti.

Alla Lazio serve vincere la gara: altra verticalizzazione, Milinkovic illumina e Anderson realizza. 2-1 Lazio: è fatta? Nemmeno per sogno. Entrano Parolo e Patric per gestire il risultato, ma dai 25 metri Junior Moraes pesca il sette della porta difesa dall’impotente Strakosha: è 2-2, doccia fredda in casa biancoceleste.

Gli uomini di Inzaghi incassano il secondo gol interno ma non demordono. Entra Nani, il tecnico capitolino rilancia. 5 minuti di recupero, 5 lunghi minuti, e proprio in zona Cesarini il palo ferma sia Immobile che l’urlo dell’Olimpico. Al ritorno servirà quantomeno una grande Lazio, determinata e sicura dei propri mezzi: la Juve insegna.

 

Resta Aggiornato, ti informeremo sulle ultime novità.


Previous Europa League, ore 19.00: passo falso del Dortmund, Marcelo lancia il Lione
Next Europa League, ore 21.05: Marsiglia show, lo Zenit se la cava

About author

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.