Domani torna l’Europa League. L’Inter affronterà l’Eintracht Francoforte allaCommerzbank-Arena. La squadra nerazzurra, che proviene dalla sconfitta contro il Cagliari, dovrà fare a meno di Nainggolan assente per infortunio. E di Icardi, che dopo un colloquio con Spalletti, ha informato la società di non essere ancora al 100%.
L’allenatore dell’Inter è intervenuto in conferenza stampa per rispondere alle domande dei giornalisti sulla partita di domani, sull’assenza del belga e sulla situazione dell’attaccante argentino.

Queste le sue dichiarazioni:

Domani incontrerete l’Eintracht.
“Stanno facendo un ottimo campionato e giocando un calcio importante. Riescono a risolvere le partite all’ultimo com’è accaduto sabato. Cercheremo di andare forte anche domani sera. Si tratta di andare a provare a fare tutto, vogliamo portare a casa il massimo. Dobbiamo avere le intenzioni corrette, la partita sarà molto importante e servirà anche la nostra esperienza, fatta nelle precedenti gare europee”.

La squadra come vive il caso Icardi?
 “Quando si vestono colori come quelli dell’Inter ci sono sempre delle cose che non viaggiano come vorresti. Il club deve far sì che si riesca a gestire le insidie. Dobbiamo mettere in campo le nostre caratteristiche e le nostre qualità. Icardi paga il costo di essere un giocatore importante”. 

Oggi c’è stato un incontro tra Icardi e la società.
 “Non ho avuto tempo per andare a informarmi di quello che è successo. Questa partita ci riempie tutto il contenitore del tempo e non possiamo pensare ad altri. Dobbiamo usare tutto il nostro tempo per questa partita importantissima. Nainggolan? Dispiace che non ci sia ma la cosa che mi fa più dispiacere è quella di lasciare a casa i giocatori che sono fuori lista. Per il resto in campo ci va sempre l’Inter, anche se manca un calciatore o un altro. Dobbiamo far vedere che siamo una squadra forte”. 

Come affronterete la partita di domani?
 “Non dobbiamo mai credere di non essere all’altezza e questo non lo facciamo. Le partite precedenti in campo internazionale ci hanno dato qualcosa. Molto dipenderà dalla voglia di lottare che avremo”. 

L’Eintracht è la squadra che ha segnato di più.
“La differenza la farà la gestione della partita, alcune volte siamo riusciti a fare bene, altre meno, ma non dobbiamo dimenticarci delle cose buone che abbiamo fatto in questa stagione. A livello difensivo abbiamo fatto spesso e volentieri bene e mi aspetto di rivedere tutto questo anche domani, a prescindere dai nostri avversari. Dobbiamo mantenere una nostra identità, abbiamo passato periodi migliori ma difficilmente la squadra è stata totalmente allo sbando. Non ci sono i rischi di dover ripartire da zero, manterremo la stessa composizione tattica facendo attenzione alle loro qualità”. 

Nainggolan assente per infortunio.
“Dobbiamo essere uniti sempre e comunque. Abbiamo subito più gol ultimamente ma ne abbiamo fatti anche di più. Lautaro è più predisposto alla manovra per arrivare in area di rigore, poi ci sono anche attenzione a non disunirsi e a restare compatti. L’Eintracht lascia sempre due attaccanti pronti a ribaltare l’azione, partecipano meno alla fase difensiva e per questo possiamo trovare spazi. Quando riprendono palla sono però molto forti e dobbiamo avere quell’equilibrio che ti permette di prendere vantaggio nei loro tentativi di assalto dei nostri avversari. Dobbiamo dare ordine alla fase difensiva, senza lasciare spazi. Possiamo fare entrambe le cose e domani mi aspetto una prova super dal punto di vista del carattere”.

Articolo precedenteRoma-Porto: le formazioni ufficiali
Articolo successivoFiorentina, Chiesa: “Ho pensato tante volte di mollare. Ringrazio la mia famiglia per il sostegno”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui