EURONUMERI 29 GIORNATA – 2 i mesi passati dall’ultima vittoria casalinga del Milan. Era il 7 febbraio quando a San Siro il Crotone affondo’ sotto i colpi di Rebic ed Ibra. Da allora, il derby perso, le gare con Udinese e Napoli, e l’ultima con la Samp hanno messo il punto alle speranze, legittime dopo un gran girone di andata, di vincere lo scudetto. Contro la Samp il Milan ha messo in evidenza qualche fragilità; alla quale bisogna porre subito rimedio affinché non si metta a rischio la partecipazione alla prossima Champions.

Obbiettivo palesato dalla dirigenza rossonera ad inizio campionato e che, senza ombra di dubbio alcuno, sarebbe meritatissimo per i valori che sino ad oggi ha espresso la squadra di Pioli. San Siro non è mai una gara banale.

La Sampdoria ricorderà sicuramente con piacere la vittoria ottenuta, alla Scala del calcio; il 28 ottobre del 1990 quando grazie ad un gol del centrocampista Tonino Cerezo passò per uno a zero. Quella vittoria diede alla troupe di Boskov la convinzione di poter vincere lo Scudetto; che arrivò poi il 19 maggio con il sigillo matematico ottenuto mediante la gara con il Lecce vinta per tre a zero. È stato l’apice della storia blucerchiata.

EURONUMERI 29 GIORNATA – 27 i gol di 7 gare che in contemporanea si sono giocate alle ore 15. Un ritorno al passato che ha distribuito sui campi una media di quasi 4 gol a partita.

Una manna dal cielo per chi non ha mai potuto mettere da parte, con leggerezza, l’ebbrezza di tutto il calcio prima e diretta gol poi. Vittorie Champions importanti di Atalanta, Napoli e Lazio. Male la Roma che per due volte si fa rimontare dal Sassuolo.

La squadra di Fonseca subisce il sorpasso in classifica della Lazio e scende ad una distanza considerevole dall’Europa che conta. Addirittura per i giallorossi, la strada più semplice per raggiungere la Champions potrebbe essere quella di vincere l’Europa League.

La Roma di Fonseca è rimasta unica a rappresentare il nostro calcio nel vecchio continente. Un risultato ottimo per la Roma, pessimo per tutto il panorama.

Solo due reti al Marassi. Genoa e Fiorentina partono alla grande, si lanciano il guanto di sfida e poi finiscono per non farsi male in nome di una classifica che non sa né di carne né di pesce.

Questo sabato Santo oltre alla Roma, fa male al Cagliari. La squadra di Semplici perde in casa con il Verona una gara che non avrebbe mai dovuto perdere; ed ora dovrà lottare con il Toro, un altra storica, non una qualunque, per rimanere in Serie A. Almeno questo al momento dice la classifica considerata la distanza di Spezia e Benevento.

Proprio il Benevento è fermato da un gol sul finire di Man che per il Parma ha un importanza fondamentale. I ducali ci credono, e ne hanno pieno diritto, e possono rendere ancora più incandescente questo finale di campionato.

EURONUMERI 29 GIORNATA

16 i punti raccolti dal Napoli nelle ultime 6 gare su 18 disponibili. La squadra partenopea sta affrontando questa fase nel migliore dei modi. 4 a 3 contro il Crotone e attenzione tutta rivolta al recupero di mercoledì con la Juventus. Un vero e proprio spareggio per centrare la qualificazione alla prossima Champions.

Abbiamo parlato del momento degli azzurri con il Presidente del Club Napoli Isola di Capri, Costanzo Ruocco: “Nonostante sul proprio campo la Juventus sia ancora più temibile, il Napoli ha dimostrato che al completo e con questo stato di forma può giocarsela con chiunque. Magari possiamo dare un ulteriore scossone a questa stagione a tratti balorda. Il Napoli è stato in crescita costante e avrebbe meritato il titolo in questi anni egemonizzati dalla Juventus. Il fatto che adesso possa essere l’Inter ad interrompere questa striscia fa riflettere, ma non dimentichiamo che l’epilogo del 2018 grida ancora vendetta. Credo, comunque, che aldilà di come finisca la stagione il Napoli debba cercare di costruire un nuovo ciclo, partendo dalla guida tecnica. Sono molto fiducioso”.

In merito al Club, Costanzo ha aggiunto: “Tenere in vita un’associazione prevede prima di tutto che in campo ci si metta tutta la passione di cui si dispone. L’obbiettivo al momento è quello di rivolgere le nostre attenzioni, con diverse iniziative, ai più piccoli per far si che si avvicinino al Club”.

Un’ultima parola su Insigne: “Vedo il capitano molto più calato nella parte rispetto al passato. Spero che la sua storia nel Napoli possa essere coronata da uno Scudetto”.

EURONUMERI 29 GIORNATA – 4 le reti nel derby della Mole. Due per parte. Un derby combattutissimo che inietta fiducia ai granata in vista di un finale di campionato che li vede impegnati per mantenere la categoria. Una roba poco da Toro. Male la Juve. Senza mezzi termini.

Attualmente non è un azzardo dire che la squadra di Pirlo rischia di giocare in Europa di Serie B il prossimo anno. La Juve è scollata, gioca a fiammate e non ha mai un filo conduttore. Le certezze che verso la metà della stagione stavano prendendo corpo sembrano essere svanite. La Juve dei nove scudetti non c’è più. Adesso è un altra cosa.

9 di fila. Le vittorie dell’Inter. Più otto punti sui cugini rossoneri con una gara in meno. Il tricolore è davvero ad un passo. L’Inter nel momento decisivo del campionato ha dato lustro alle sue doti più spiccate, ossia, praticità e fisicità.

Per fermare l’Inter, ora come ora, bisogna stare bene sia di testa che di gamba. Mercoledì il recupero con il Sassuolo potrebbe spingere ancora di più sulla sponda giusta la barca capitanata da Antonio Conte.

Articolo precedenteSerie A sintesi 29esima giornata: Volata Champions sempre più agguerrita
Articolo successivoSerie B, Ternana in festa: ritorno nel campionato cadetto

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui