EUROMONDIALE FINALE ARGENTINA FRANCIA – Sarà una finale spaziale quella tra Argentina e Francia, entrambe a caccia del terzo titolo. É il Marocco la vera sorpresa di questo Mondiale. Che Argentina sarebbe senza De Paul?

EuroMondiale finale spaziale Argentina Francia. E il Marocco…

1’posto
Argentina Vs Francia

La prossima finale dei Mondiali metterà di fronte quelle che sono state le squadre più spettacolari di questa Coppa del Mondo. Francia e Argentina, in modo diverso, hanno egualmente entusiasmato per la qualità delle giocate e per la convinzione che hanno avuto di raggiungere l’obiettivo. Sarà una finale dove la giocata del singolo può esaltare il gioco corale. In altre parole è da Messi e Mbappe che ci si aspetta il guizzo che consegni la terza Coppa del Mondo o a una o all’altra. Difficile azzardare pronostici, sono due squadre che nel complesso si equivalgono, forse però i transalpini hanno qualcosa in più sia del punto di vista dei singoli sia dal punto di vista collettivo. L’ultima volta che una squadra ha vinto due Mondiali di fila risale a quando ci riuscì Pelè. 58 e 62, si giocò prima in Svezia e poi in Cile. Ora ci prova Mbappe.

EuroMondiale finale spaziale Argentina Francia. E il Marocco…

2’posto
L’euro-Marocco

Più della Croazia, che quattro anni fa giocò la finale, è stato senza dubbio il Marocco la vera sorpresa di Qatar2022. Per la prima volta una squadra del continente nero ha superato il Rubicone dei quarti di finale. Poi però il muro dei Bleu ha resistito, in finale ci va Giroud. Già dalle prime uscite il Marocco aveva fatto intendere di avere qualcosa di solido e speciale con cui affrontare questo torneo. Una squadra, che solo politicamente, appartiene al continente africano. La cultura calcistica è di chiara matrice europea. La stella è stata Amrabat che nel campionato italiano non ha mai avuto consenso unanime. Probabile che il giudizio popolare adesso sia cambiato. Potenza del pallone.

EuroMondiale finale spaziale Argentina Francia. E il Marocco…

3’posto
Don Rodrigo

Le sudamericane son da sempre votate al gioco offensivo, o meglio, seppur avendo un quadro tattico evoluto devono sempre rincorrere un equilibrio di difficile natura. È fondamentale il sacrificio di alcuni giocatori che riescono a legare le fasi senza compromettere le proprie caratteristiche tecniche, che, si sa, sono proprie di ogni giocatore del continente di Pelè e Maradona. Rodrigo De Paul incarna questo concetto. Un giocatore eccezionale, sarebbe davvero bello poterlo ammirare di nuovo in Italia. Magari nel Napoli.

Articolo precedenteMilan, Maldini: “Ripartiamo dai nostri obiettivi, i nostri al Mondiale…”
Articolo successivoTorino, per l’attacco torna di moda Shomurodov

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui