Il trasferimento più incredibile di questa sessione invernale di calciomercato è stato il passaggio di Kevin-Prince Boateng dal Sassuolo al Barcellona, avvenuto sulla base del prestito con diritto di riscatto fissato a 8 milioni. Solo sabato sera il fantasista ghanese ha giocato titolare la gara di San Siro contro l’Inter tra le fila della squadra di De Zerbi. In totoale, in neroverde ha totalizzato 15 presenze e 5 gol da luglio – quando gli emiliani lo avevano ingaggiato dall’Eintracht Francoforte – ad oggi.

“Europa Calcio” ha contattato in esclusiva Joan Tejedor, firma di “Cadena SER“, per parlare del trasferimento dell’ex Milan alla corte di Ernesto Valverde.

Vi aspettavate che il Barcellona avrebbe preso Boateng?

No, perché noi sapevamo che il Barcellona stava cercando una prima punta, un numero 9 per capirci. E Boateng non è quel tipo di giocatore: a Milano giocava accanto (o subito dietro) Ibrahimovic, nello Schalke vicino a Huntelaar, a Portsmouth accanto a Piquionne, nel Borussia Dortmund era lo stesso con Nelson Haedo Valdez, nel Tottenham vicino a Berbatov e nell’Hertha Berlino con Pantelic. Questo durante tutta la sua carriera. La versione migliore di Boateng non ha giocato da centravanti, lo abbiamo visto molto meglio con un un titpico numero 9. Fino a pochi giorni fa, la prima scelta del Barcellona era Alvaro Morata, un giocatore che è più simile a Ibrahimovic, Huntelaar, Piquionne, Valdez, Berbatov o Pantelic piuttosto a Boateng. Ecco perché sono sorpreso, pensavo che Prince non fosse il tipo di giocatore che il Barça stava cercando“.

Ma quindi come è nata questa trattativa?

Come ti ho appena detto, l’obiettivo del Barça era ottenere Morata dal Chelsea fino a giugno con la formula del prestito. L’operazione costava in tutto circa 10 milioni di euro, ma il Barcellona non aveva soldi da spendere. Poi hanno cercato Carlos Vela, che ora è negli Stati Uniti al Los Ángeles Football Club, ma anche questa era una ipotesi costosa. Quindi hanno dovuto optare per una trattativa poco onerosa. Nel club sostengono che Boateng abbia molta esperienza e una personalità che possa essere buona per la squadra“.

E i tifosi del Barcellona, invece, che idea hanno di Boateng? E quali sono le loro apsettative su di lui?

Le gente qui era piuttosto sorpresa. Prince ha la reputazione di essere un giocatore a cui piacciono molto le feste. Le prime cose che le persone hanno ricordato qui (ad esempio nei social network) sono le sue foto dove fuma e beve birra mentre aspetta un test antidoping con lo Schalke, il fatto che in passato preferiva Cristiano Ronaldo a Messi e il Real Madrid a Barcellona, che una volta è si è infortunato facendo sesso e altro ancora. Qui alcuni non amano i capelli e i tatuaggi mohicani, e fanno battute su come saranno assieme lui e Vidal. Gli ultimi arrivi sono stati Arturo Vidal, Malcom, Murillo e ora Boateng, giocatori che generano non pochi dubbi. La sensazione è che fino a qualche anno fa giocare per il Barcellona fosse qualcosa riservata a pochi privilegiati, mentre ora sembra che chiunque possa giocare al Camp Nou. E chi si occupa del mercato pensa che sia meglio ottenere un calciatore non molto bravo piuttosto che non prendere nessuno“.

A livello tecnico, cosa può portare l’ormai ex Sassuolo alla squadra di Valverde?

Boateng è un genio, ha molto talento. E un genio può venire fuori in qualsiasi momento. E’ abbastanza bravo e ha il talento per dire la sua in una partita importante, come El Clásico contro il Real Madrid o in un’importante partita di Champions League, e deciderla in una fantastica azione personale. Inoltre, il Barcellona ha bisogno di un giocatore che consenta a Luis Suárez a riposare, perché il suo ginocchio non sta bene e non può giocare tutte le partite della stagione, il suo sostituto deve offrire garanzie. Noi Boateng lo abbiamo visto giocare molto bene in squadre come Las Palmas con Quique Setién o ora con il Sassuolo, squadre che giocano un calcio molto associativo, che a volte può essere simile allo stile del Barcellona. Quindi può adattarsi molto bene all’idea di calcio di Valverde“.

Ma mi dica la verità, quando ha sentito la notizia, ha pensato a quel suo gol pazzesco proprio contro il Barcellona quando era al Milan?

Sì, è uno dei miei gol preferiti di Boateng, mi era venuto in mente soprattutto perché il giocatore del Barcellona che aveva dribblato prima di segnare era Eric Abidal, che ora è uno dei responsabili delle operazione di mercato del Barcellona. E un altro suo gol a cui ho pensato è quello realizzato al Villarreal quando giocava con il Las Palmas (grande rete in semi rovesciata, ndr)”. 

Tirando le somme, cosa pensa della carriera di Boateng?

Credo che Boateng abbia davvero un grandissimo talento. Non so perché non sia stato nello stesso club per molti anni, e non so se sia vero tutto ciò che la gente dice riguardo al suo stile di vita, se è un po’ matto, se gli piace fare feste etc etc. Penso che forse a volte non sia riuscito a controllarsi, e non è riuscito a essere costante e tenace. Ma ora ha quasi 32 anni, è padre, ha esperienza, ma è ancora giovane e ha talento. Se è concentrato, può disputare cinque mesi buoni a qui Barcellona ed essere importante per i successi della squadra“.

Per concludere, come valuta il lavoro di Braida al Barcellona da quando è arrivato?

Non so, e credo nessuno lo sappia, quale sia esattamente la sua mansione. E’ arrivato dopo che il club aveva licenziato Zubizarreta, ma poi era arrivato Robert Fernandez, e dopo di lui Eric Abidal, che ha un nuovo capo (Pep Segura) e un assistente (Ramon Planes): loro tre sono i principali responsabili di calciomercato. Penso che Braida sia una specie di consulente e che li possa aiutare viste tutte le persone che conosce nel mondo del calcio – e questo gòi va assolutamente riconosciuto, ma non credo che abbia un ruolo molto rilevante in questo momento. Ma va detto che è sempre stato cauto e discreto, quindi sarebbe ingiusto dire che non fa nulla“.

FONTE IMMAGINE: “www.fcbarcelona.com”

 

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione dell’articolo è consentita previa citazione della fonte.

Articolo precedenteESCLUSIVA EC – Inter, in estate può arrivare Duncan
Articolo successivoAereo Scomparso in Francia, anche Sala a bordo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui