Editoriale

Tre giornate alla fine e l’incertezza regna ancora sovrana per la corsa ad un piazzamento alla prossima Champions League. Col Napoli ormai matematicamente secondo, restano due posti per sei squadre, tutte raccolte in 8 punti. 270 minuti di fuoco. Vediamo come stanno le compagini coinvolte e quali partite devono affrontare da qui alla fine.   INTER 63 punti, 3^ posto

Era il 22 maggio 2011, si giocava Brescia – Fiorentina e quella fu l’ultima partita in Serie A delle Rondinelle. Il Brescia si schierava con Accardi in porta, Zebina, Bega e Zoboli in difesa, Baiocco e Filippini in mediana con Zambelli e Accardi sulle corsie esterne, Diamanti trequartista dietro alle punte Eder e Jonathas. L’allenatore era Beppe Iachini. Sono passati

La panchina di Massimiliano Allegri non è mai stata così in dubbio. L’ottavo Scudetto consecutivo certo è un merito, arrivato dominando dalla prima alla (non ancora) ultima giornata e vinto matematicamente ad aprile, ma probabilmente già chiuso tra febbraio e marzo. La sconfitta in Champions League però e la difficoltà a creare un gioco dominante sull’avversario, ha aperto alcune crepe

Callejon e la maglietta rifiutata nel post partita di Frosinone Napoli. Io della maglia azzurra sono innamorato, così recita un bellissimo coro che si ascolta al S.Paolo durante le partite del Napoli. Un coro che fa impazzire i bambini e viene cantata a squarciagola anche nelle vie cittadine. Durante il classico saluto dei giocatori a fine partita a Frosinone è

Il campionato sta per concludersi e la Roma, qualunque sarà il posizionamento in classifica, deve ripartire da zero. Dopo l’esonero di Di Francesco e l’addio del ds Monchi, in società si lavora per cercare dei sostituti che possano riportare la squadra giallorossa a competere con le concorrenti.  L’incontro a Boston ha dato i suoi frutti, in realtà un po’ diversi

Questa volta la Juventus non si sveglia con una sensazione di rabbia, no. Quello era accaduto l’anno scorso dopo l’eliminazione di Madrid all’ultimo respiro. Questa volta c’è quasi un senso di rassegnazione, di arrendevolezza. Questa volta si ha la consapevolezza che forse più di così la Juve non poteva fare. E forse è ancora peggio. E’ peggio perché di fronte

Il Chievo Verona aritmeticamente in Serie B: dopo la sconfitta casalinga contro il Napoli, la squadra che rappresenta il piccolo quartiere di Verona ritrova il campionato cadetto dopo essere rimasto per undici stagioni consecutive nella massima serie. L’ultima retrocessione, infatti, è datata 2007 e fu pronta risalita con la vittoria del campionato 2007-2008. Epilogo inevitabile e difficilmente rimandabile e sovvertibile in una

Dopo anni in cui bastavano una trentina di punti per salvarsi, quest’anno, finalmente, stiamo assistendo ad una vera e propria lotta per non retrocedere. Squadre che sembravano spacciate e che invece si dimostrano vive, squadre che sembravano tranquille e che invece si trovano invischiate nella lotta salvezza. Escludendo il Chievo, ormai con un piede e mezzo in B, dal Frosinone

Restivo, un Cognome che in molti sicuramente conoscete ma vi svelerò man mano chi è questo grande artista. Alfonso, nato a Catania il 23/05/1980 è un pittore internazionale, dipinge con la tecnica dell’iperrealismo. Per chi non conoscesse questa tecnica il significato è dipingere addirittura meglio della realtà. Fin prima di nascere dipingeva nel pancione della mamma. Scherzi a parte, fin

Lotta Champions più combattuta che mai. 9 giornate alla fine del campionato, 27 punti a disposizione e ancora tutto da decidere in questa Serie A 2018/19. Tutto, tranne lo Scudetto. Quello è già stato deciso e per l’ottava volta di fila prenderà la strada di Torino colorato di bianconero. Se anche il secondo posto sembra ormai blindato dal Napoli, dal