Editoriale

Negli ultimi anni il calcio italiano ha subito alcune perdite dal punto di vista della qualità. Infatti i calciatori più forti – grazie allo spostamento di capitali verso l’estero – vengono attratti da campionati più interessanti; sia dal punto di vista economico (in primis), che dal punto di vista dello spettacolo. Ed è per questo che Liga e Premier League

Infuriano le polemiche dopo il match della semifinale di andata di Coppa Italia tra la Juventus ed il Napoli. Ovunque si parla delle decisioni arbitrali che –secondo il  parere dei tifosi napoletani- hanno danneggiato la squadra azzurra. Due rigori concessi ai bianconeri sono oggetto di discussione anche e soprattutto sui social network. Il secondo rigore ricorda una situazione analoga riguardante

Il mondo dell’informazione cresce o decresce –dipende dai punti di vista- sempre di più. A nulla valgono appelli e buon senso affinchè almeno lo sport sia ad di fuori di gossip  e/o di una qualsivoglia azione diseducativa che non giova ne al mondo dell’informazione, ne tanto meno allo Sport. Accade, comunque, che un ex calciatore e figlio di un noto

Il giornalismo -come altre professioni- si adegua all’evoluzione dei tempi. Normale che ciò avvenga, ma qualche considerazione andrebbe fatta per evitare che si possa debordare per una qualsivoglia necessità che non trova alcuna giustificazione nell’esercizio di una professione che deve garantire una corretta e veritiera informazione. Per quanto riguarda il calcio, è necessario e forse opportuno affermare: Lasciamo lavorare i club tranquillamente.

Ha soltanto 29 anni ma per molti è già destinato a sedersi su panchine di grandi squadre europee. Stiamo parlando di Julian Nagelsmann, tecnico dell’Hoffenheim, compagine ancora imbattuta in Bundesliga dopo 13 giornate, insieme alla capolista RB Lipsia. Il suo esordio risale allo scorso 11 febbraio, quando la dirigenza del club tedesco decise di affidargli la panchina della prima squadra. In 4 mesi

Chiusa la tredicesima giornata, si può dire che un primo terzo del campionato di Serie A è andato in archivio. Possibili, forse, i primi bilanci di una stagione solo per alcuni versi sorprendente. Se la Juventus, capolista con un enorme vantaggio sulle seconde, si è confermata al suo livello (quello delle ultime 5 stagioni), ciò non può dirsi per le

TOTO ACQUISTI– Pavoletti, Zaza, Defrel, Kalinic, Lapadula ed altri attaccanti sono attualmente accostati al Napoli. Il club partenopeo medita, ma ancora non chiarisce quali sono le intenzioni per far fronte alla sostituzione di Milik che, avendo subito un grave infortunio con la Nazionale polacca, ha lasciato la squadra azzurra priva di una punta centrale. PREVISIONI DELLA SOCIETA’- Il club partenopeo

IL FUTURO DEL NAPOLI DOPO L’ADDIO DI HIGUAIN  “Non abbiamo mai detto di essere competitivi per lo Scudetto, per esserlo andavano presi ’87 e ’88, noi invece abbiamo preso ’95 e ’97. La squadra ha scelto di costruirsi un futuro dopo l’addio di Higuain, giustamente. Stiamo facendo bene. Poi se qualcuno ci etichetta come l’anti-Juve va bene, ma sappiamo che

Di certo non possiamo mettere a confronto due calciatori come Icardi e Buffon, non solo per ruoli diversi ma anche per carriera e caratteri diametralmente opposti. Appunto per questo vogliamo soffermarci su quello che è accaduto nelle ultime ore: il nerazzurro protagonista in negativo (ma non troppo…) ed il bianconero che prima viene messo in dubbio per la sua età

Il calciomercato in Serie A ha sfiorato quasi il record. Secondo soltanto alla Premier League con un valore poco superiore ai 700 milioni – contro il miliardo e 400 mila del campionato inglese – il massimo torneo italiano regalerà sicuramente spettacolo nella stagione che è appena cominciata. E’ vero, saremo orfani di Paul Pogba, tornato allo United per un valore