Dumfries, esterno olandese dell’Inter, ha il contratto in scadenza nel 2025: il rinnovo vive una profonda fase di stallo da qualche mese

Foto di Stefano D’Offizi

Ventinove presenze in Serie A, tre gol e cinque assist forniti per i compagni nell’incredibile percorso compiuto dall’Inter in questo campionato, con i nerazzurri che attendono di cucire sul petto una seconda stella già conquistata in un Derby che si è rivelato storico, contro il Milan di Stefano Pioli. Denzel Dumfries ha fornito il proprio apporto anche nel corso della terza stagione vissuta in nerazzurro, importante anche dal punto di vista personale per aver raggiunto quota dieci reti con la maglia nerazzurra. Mentre il presente è costellato da gioia e festeggiamenti, il futuro dell’olandese alla Pinetina continua a essere un’incognita, con le trattative per il rinnovo bloccate da tempo.

Sospese, inizialmente, per le laute richieste del ventottenne esterno, l’operazione prolungamento del contratto con scadenza fissata nel 2025 vive una situazione di stallo anche per la volontà della stessa società di reperire sul mercato un altro elemento funzionale per il sistema di gioco adottato da Simone Inzaghi. Il tempo, però, secondo quanto confermato da calciomercato.com, stringe e il rischio di perdere il calciatore a zero, al momento, è abbastanza tangibile in viale della Liberazione.

L’olandese ha diverse richieste, attende una mossa dell’Inter, ma la scadenza così ravvicinata costringerà i nerazzurri a accelerare le tempistiche per il rinnovo del classe 1996, anche solamente di una stagione, in modo da riacquisire più forza in ottica mercato. Denzel Dumfries non è mai stato così lontano dall’Inter, ma la principale alternativa, Kayode della Fiorentina, non convincerebbe pienamente lo staff del tecnico nerazzurro.

Oltre all’articolo: “Dumfries e il rinnovo con l’Inter: momento della verità; c’è Kayode, ma…”, leggi anche:

  1. Inter, Bastoni: “Sento di ripagare questo affetto, ancora fame. Inzaghi, Sommer, Thuram…”
  2. Atalanta, Gasperini: “Marsiglia più da Europa, questo tavolo ci piace molto”
Articolo precedenteBayern, l’ultima idea per la panchina può essere quella buona: Ten Hag
Articolo successivoRoma, c’è mercato anche in dirigenza: sondato Ghisolfi come Direttore Sportivo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui