Due ruggiti dello Sporting CP affondano il Tottenham (Stadio di Alvalade) – Nella seconda giornata di Champions League, lo Sporting CP affonda a sorpresa il Tottenham, vincendo in casa per 2-0.

I gol di Paulinho e Arthur Gomes, entrambi allo scadere del gioco, hanno provocato una esplosione di felicità sugli spalti dell’Alvalade, del tutto inaspettata.

Alla vigilia della gara contro gli inglesi, tutti pensavano che i leoni non avessero chance di uscire dal confronto con un risultato positivo, e ancor meno con una vittoria in tasca.

Resilienza, volontà e concentrazione, ma anche un pizzico di fortuna, hanno invece permesso ai lusitani di battere Antonio Conte, caduto nella ragnatela del possesso palla dei biancoverdi.

Il Tottenham fin da subito si è proiettato in avanti con una grande pressione sui portatori di palla, alla ricerca del giusto spiraglio per inaugurare in fretta il tabellone. Di fatto, i primi 10 minuti, sono stati di chiara marca londrina, con lo Sporting tutto raccolto nella sua area a difendere.

Nonostante il dominio territoriale del Tottenham, lo Sporting al 7′, ha una grande opportunità con Pedro Gonçalves che approssimandosi all’area avversaria, dalla sinistra, scarica un diagonale velenosissimo che va di poco fuori.

Col passare del tempo, i leoni trovano la maniera di abbassare il ritmo di gioco, facendo circolare molto la palla, e forzando gli avversari a rallentare la pressione offensiva.

Al 25’ arriva la prima occasione concreta del Tottenham, con Perisic, che crossa dalla sinistra e serve Richarlison in area, che stacca di testa debolmente favorendo Adán nel recupero.

Quattro minuti dopo, un cross velenoso di Emerson dalla sinistra, attraversa tutta l’area leonina, ma nessuno degli uomini di Conte la butta dentro.

Alla mezz’ora il ritmo del gioco si rialza di nuovo, con la formazione inglese che ritorna ad imporre il proprio pressing, chiaramente alla ricerca del gol.

La fine del primo tempo regala due emozioni, una per parte. Al 42’ Richarlison, lanciato centralmente da Kean, si ritrova solo davanti ad Adán, centrando la porta, ma il gol viene annullato per fuorigioco. Allo scadere del tempo di recupero, Edwards dall’altro lato, sulla destra, salta tre avversari, ma non concretizza la magistrale cavalcata grazie all’opposizione di Lloris.

Nella ripresa il Tottenham entra in campo ancora più agguerrito e motivato, andando alla ricerca del vantaggio.

Nel giro di 10 minuti, infatti, la squadra ospite ha ben tre clamorose occasioni. Prima con Emerson, al 5’, che di testa cerca di insaccare, ma Adán smanaccia fuori. Poi vanno alla carica Kean e Richarlison, e ancora Emerson, con il numero uno leonino che difende l’impossibile.

Esattamente come nel primo tempo, intorno al 20’, lo Sporting riprende in mano il gioco, continuando con il possesso palla, tenendo così gli avversari fuori dall’area.

La ripresa è palco di molte più occasioni, sia da una parte che dall’altra, ma manca da ambo i lati un po’ di concretezza nella finalizzazione.

È sullo scadere dei 90 minuti, che però, arrivano le vere emozioni.

Quando tutti pensavano che il gioco sarebbe finito a reti bianche, un risultato che tutto sommato poteva essere giusto, ecco che lo Sporting si sveglia.

Con grande resilienza, la squadra di Amorim va vicina al gol all’89’, con Porro, con un tiro a giro dalla destra che Lloris manda fuori.

Le lancette scorrono di un altro minuto, ed ecco che al 90’, su angolo dalla sinistra, Paulinho sigla di testa l’1-0. La gioia fa impazzire i tifosi di Alvalade che non credono ai loro occhi.

Nei due minuti di recupero, c’è addirittura il tempo di raddoppiare, con Gomes, che tira un diagonale velenoso dalla sinistra, mettendo definitivamente ko il Tottenham.

Lo Sporting CP, dunque, vince inaspettatamente 2-0 contro gli inglesi, ed è momentaneamente solo in testa al girone D, con sei punti.

 

TABELLINO: 

SPORTING CP – TOTTENHAM 2-0 (90′ Paulinho, 92′ A. Gomes)

Sporting CP (3-4-3): Adán; Gonçalo Inacio, Coates, Reis; Pedro Porro, Ugarte, Morita, Nuno Santos; Trincao, Edwards, Pedro Goncalves. All. Rúben Amorim. Sostituzioni: Alexandropoulos, Paulinho, A. Gomes, Esgaio.

Tottenham (3-4-2-1): Lloris; Romero, Dier, Davies; Emerson, Bentancur, Hojbjerg, Perisic;  Richarlison, Son,  Kane. All. Antonio Conte. Sostituzioni: Kulusevski, Sessegnon, Doherty.

Arbitro: Srdjan Jovanovic

VAR: Paolo Valeri e Massimiliano Irrati

 

 

Articolo precedenteAtalanta, situazione Malinovskyi: possibile addio già a gennaio
Articolo successivoMilan, parla Ibra: “De Ketelaere un top, non smetto perchè…”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui