spot_img
HomeSerieANapoliDe Laurentiis su Osimhen: "Se il suo umore è cambiato..."

De Laurentiis su Osimhen: “Se il suo umore è cambiato…”

Su Giuntoli: "Da sei mesi si era messo in branda, mi continuava a ripetere: mi mandi alla Juventus?". E su Garcia: "Un cambio di guida tecnica è sempre traumatico..."

-

Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis è intervenuto quest’oggi in conferenza stampa a Castel Volturno.

Questi i temi trattati dal patron azzurro.

SULL’ESONERO DI GARCIA – Conte? Non voglio domande al riguardo, sarebbe un’azione di disturbo. Ho fatto con lui una vacanza anni fa alle Maldive, c’era anche la sua famiglia, e da quel momento abbiamo mantenuto i rapporti. Mi sento ancora con MazzarriAncelottiBenitezReja… Il resto è solo un pettegolezzo che demolisce chi oggi è incaricato di allenare la squadra e che mi infastidisce.

Dopo la sconfitta con la Fiorentina ho letto di tutto. Nella vita si possono avere dubbi e va valutato il proprio operato, se c’è stato qualche errore me ne prendo la responsabilità – afferma De Laurentiis – le scelte di questa estate sono state mie, ovviamente con i miei nuovi collaboratori. Ma da qui a dire di cambiare l’allenatore… Un cambio di guida tecnica è sempre traumatico e poi non ci sono in giro tanti allenatori che praticano il 4-3-3 con la difesa alta, come successo con Sarri e Spalletti. In questo periodo ho avuto tanti impegni, ora sono tornato e mi sono riavvicinato alla squadra per darle serenità”.

DE LAURENTIIS SUL RAPPORTO CON OSIMHEN

Non sono mai stato non sereno nei confronti di Osimhen, ma si è sempre in due in queste cose: io sono rimasto lo stesso, se il suo umore è cambiato non posso farci nulla. Se dopo una stretta di mano le cose cambiano, la cosa dispiace, ne prendiamo atto ma poi la vita va avanti. Con lui ci sono ottimi rapporti, la scadenza del contratto è nel 2025, c’è tempo. Non dimenticate che ho venduto Koulibaly all’ultimo”.

SULL’INFORTUNIO DI OSIMHEN IN NAZIONALE – “Dal 2013 a oggi abbiamo incassato circa quattro milioni di euro di rimborsi come partecipazione dei nostri giocatori alle partite delle nazionali pur avendo sempre più di dieci giocatori convocati. Dovrebbe essere lasciata la scelta al club di poter mandare o meno in nazionale un giocatore convocato, la possibilità di dire no se si tratta di un’amichevole, per esempio. Non voglio l’Under 21 o l’Under 19 che hanno poca visibilità internazionale e quindi meno valorizzazione, voglio un’unica Nazionale con tutti giocatori giovani, di massimo 22 anni”.

SULLA FLESSIONE DEL NAPOLI – “Noi siamo il Napoli, ci siamo qualificati in Europa per 15 anni di fila, non è che ogni volta un cerino incendia un pezzo di carta bisogna gridare che va a fuoco tutto. I pompieri siamo noi stessi, le decisioni vanno fatte con serenità e senza errori dettati dalla fretta”.

SUL CASO SCOMMESSE – “Si fanno in maniera ortodossa e poco ortodossa, esiste una centrale ad Hong Kong che fattura più di 50 miliardi di dollari l’anno. Due anni fa parlai di un libro americano dove si parlava di scommesse. Eppure non si è approfondito l’argomento, adesso se ne torna a parlare anche se non si sa ancora bene in che termini.

Non parlo di ludopatia, di vizi, di troppi soldi che girano, di persone poco mature: per quel che mi riguarda sono sempre stato molto attento ad assumere calciatori la cui realtà familiare e provenienza geografica mi assicurassero una certa tranquillità psicologica e una certa tutela. Tengo molto alla cultura del lecito, il Napoli fa anche un’azione di sorveglianza su atleti che credo siano ragazzi per bene e che hanno famiglie a posto. Gestire una ricchezza improvvisa è un problema, non tutti sanno farlo”.

DE LAURENTIIS SU GIUNTOLI

“Giuntoli è stato un’intuizione di Andrea Chiavelli e del sottoscritto, preso da un club che arrivava dalla Serie C e era salito fino in Serie A. Aveva la cultura dell’umiltà e del lavoro come Meluso con cui mi trovo molto bene. Giuntoli da sei mesi si era messo in branda, mi continuava a ripetere: mi mandi alla Juventus? E io gli dicevo: cos’è questa storia, improvvisamente sei diventato un sostenitore della Juve? Qui abbiamo sempre considerato la Juve nemica sportiva numero uno… è un altro film, questo! Un direttore sportivo deve avere la cultura dell’umiltà e del lavoro, e lui ce l’aveva. Il colpo Kvara non è suo, è stata una segnalazione a mio figlio Edoardo che poi è arrivata a Giuntoli. Giuntoli ha indovinato una serie di giocatori e ne ha sbagliati tanti altri”.

 

LEGGI ANCHE:

  1. Commisso raggiante: “Gli obiettivi della Fiorentina sono chiari”
  2. Paratici-Napoli, possibile accordo malgrado l’inibizione: ecco come
  3. Conte al Napoli, la pista si complica: spunta un altro candidato
  4. Italia, Bonaventura: “Mio padre era orgoglioso della Nazionale, Italiano…”
  5. Bologna, Zirkzee conquista i rossoblù ma ora lasciamo stare Arnautovic
  6. Ufficiale: Wayne Rooney è il nuovo allenatore del Birmingham City
Cristiano Abbruzzese
Cristiano Abbruzzesehttps://www.europacalcio.it
Giornalista pubblicista dal luglio 2012, è il direttore di EuropaCalcio.it.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisment -

Must Read

Flick

Nuovo allenatore Barcellona, Flick è ufficiale

0
Poco dopo aver ufficializzato l'accordo con Xavi per la separazione, Il Barcellona ha ufficializzato il nuovo allenatore: confermate le ultime voci di mercato con...