spot_img
HomeSerieANapoliDavide Ancelotti: "Napoli unico posto in cui ero considerato raccomandato"

Davide Ancelotti: “Napoli unico posto in cui ero considerato raccomandato”

-

DAVIDE ANCELOTTI NAPOLI – In un’intervista al “Corriere della Sera“, Davide Ancelotti, figlio e vice del padre Carlo al Real Madrid, ha ripercorso le tappe della sua carriera, soffermandosi soprattutto sull’esperienza in Italia sulla panchina del Napoli.

DAVIDE ANCELOTTI: “NAPOLI UNICO POSTO IN CUI ERO CONSIDERATO RACCOMANDATO”

Ancelotti Jr ha parlato soprattutto del pregiudizio in cui cade chi crede che il suo ruolo sia dovuto solo al fatto di essere il figlio di un grande allenatore. Davide commenta così: “Sono consapevole che ci siano questi pregiudizi, e sì, penso sempre di dover dimostrare qualcosa. Ma per me è benzina: mi fa stare motivato e non la voglio perdere. Però per il posto di vice non si fanno casting, ogni allenatore sceglie un uomo di fiducia. L’unica italiana dove ho lavorato: il Napoli. Ma credo sia legato al fatto che in Italia la parentela fa più rumore”.

Sul Napoli aggiunge: “A Napoli sono stato benissimo, vivevamo nella Riviera di Chiaia. Il primo anno abbiamo fatto bene, siamo arrivati secondi, ma la Juve aveva comprato Cristiano Ronaldo. Il difficile è stato quando le cose hanno cominciato ad andar male e non siamo riusciti a raddrizzarle. Mi spiace sia finita così”.

Sul padre, da lui definito il migliore: “Il mio è un giudizio di parte. Ma quello che ha fatto mio padre è quasi impossibile. Da lui ho imparato che vengono prima i giocatori: bisogna partire da loro. Però voglio avere la mia identità”.

 

LEGGI ANCHE:

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisment -

Must Read

Skriniar o De Ligt per il Chelsea: ecco la situazione

0
Skriniar o De Ligt per il Chelsea - Dopo aver visto partire Antonio Rudiger in direzione Madrid, sponda Blancos, il Chelsea è alla ricerca di...