In diretta a “Taca La Marca”, programma in onda su Radio Musica Television, è intervenuto Dario Silva, ex centravanti di Cagliari e Malaga tra le tante. Dario Silva si è soffermato sulle vicende del calcio italiano e su tanti altri temi.

Ecco quanto emerso.

Bentancur – “Ha un futuro micidiale, gioca molto bene con la maglia della Juventus, sono felice per lui. E’ un giocatore box to box con grande testa ed è completo, mi piace tanto. L’Uruguay potrà fare affidamento su un grande centrocampo con lui, Nandez e Valverde.”

Sergio Ramos, pallone d’oro – “Sergio Ramos merita il pallone d’oro, è giusto che lo diano ad un difensore che fa gol, ha fatto di più di Cannavaro. Sarebbe giusto riconoscergli questo premio individuale in questa fase della sua carriera. E’ un vincente, vuole vincere sempre fino a 40 anni.”

Trapattoni e Mazzone – “Mi hanno lasciato tutto, ringrazio Trapattoni, è stato un punto di riferimento, con lui ho imparato il calcio e sono diventato giocatore, è stato il più grande di tutti. La grinta di Mazzone era unica, ti dava una carica in più.”

Darwin Núñez – “Per il Napoli è troppo giovane, ha iniziato adesso, sta facendo bene e sta segnando con la maglia dell’Almeria. In futuro diventerà un grande, ma adesso è troppo presto. Il Napoli non potrebbe aspettarlo, la compagine partenopea per i suoi obiettivi deve sfruttare al massimo i calciatori nel pieno della loro maturità. Inoltre il calcio spagnolo è molto diverso rispetto a quello italiano, tutti quelli che si trasferiscono dalla Spagna in Italia incontrano delle difficoltà iniziali.”

Giovanni Simeone – “Mi piace molto, ha il sangue del padre, possiede grinta, forza e qualità. Deve continuare il suo percorso di crescita, ma sono convinto che in futuro vestirà la maglia della nazionale albiceleste.” 

Momento importante – “Sicuramente uno dei momenti più importanti della mia esperienza con la maglia del Cagliari è stato il fischio finale della sfida con il Chievo Verona che ha decretato il nostro ritorno in A.”

Capitolo scudetto – “Sono nove anni che la Juventus vince lo scudetto, le altre possono giocare solo per il secondo posto, mi dispiace per le rivali. I bianconeri comprano bravi giocatori e fanno le cose nel modo giusto.”

Cagliari – “Quando sono arrivato a Cagliari la squadra lottava per la salvezza, mi piacerebbe vedere il club sempre più in alto.”

Cavani – “Non credo che possa arrivare a Roma, Cavani viene accostato a squadre inglesi.”

Nandez – “E’ un grandissimo calciatore, spero di non vederlo andare via. Prima o poi arriverà in un top club ma mi auguro che possa rimanere a Cagliari.”

Somiglianze – “Avevo delle caratteristiche in comune con Cavani, lui però fa più gol e ha giocato in squadre di altissimo livello. E’ un calciatore molto importante, dobbiamo arrivare alla prossima coppa del mondo puntando su di lui e Suarez in attacco.”

Articolo precedenteVerona – Atalanta apre la 35a di Serie A: cronaca e tabellino [LIVE]
Articolo successivoZotti: “Pau Lopez importante per la Roma. Donnarumma erede di Buffon. De Rossi allenatore? Ha la stoffa da leader”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui