In diretta a “Taca La Marca”, programma in onda su Radio Musica Television, è intervenuto Daniel Bertoni, ex calciatore di Fiorentina e Napoli tra le tante. Daniel Bertoni si è soffermato sulle vicende del calcio italiano e su tanti altri temi.

Ecco quanto raccolto.

Lautaro Martinez – “Lautaro Martinez era tranquillo, poi le voci dei media gli avranno dato una scossa. L’Inter è uno dei club più grandi al mondo, dove hanno militato tanti argentini; personalmente Lautaro deve aspettare, visto che al Barcellona nel suo ruolo ci sono Suarez e Griezmann, mentre nella compagine nerazzurra ha il posto da titolare assicurato.”

Dybala – “Dybala è ritornato alla grande proprio nel momento giusto; l’argentino fa parte di un club eccezionale e sicuramente un giorno potrà essere costruita la squadra intorno a lui.”

La Juventus – “La Juventus vince sempre, per certi versi annoia un pò, i bianconeri non perderanno questo Scudetto. Purtroppo il Napoli in questi anni ha cercato di competere con la Juventus ma in questa stagione non è stato all’altezza; mentre l’Inter fa tanti gol ma ne subisce altrettanti e la Lazio non ha una rosa così profonda.”

Atalanta e il Papu Gomez – “E’ una squadra compatta, che può contare su una società seria e su un tecnico che sa quello che vuole. E’ un contesto dove si lavora molto bene anche nel settore giovanile e dove si comprano i calciatori giusti. Il “Papu” è straordinario, si trova a suo agio a Bergamo, dove conosce tutto l’ambiente.”

De Paul – “Lo conosco sin da quando era ragazzino, e si intuiva che aveva un futuro promettente. Purtroppo bisognerà capire quanto si potrà spendere in questo mercato.”

Il Napoli di Gattuso – “Ha trasmesso al Napoli quello che era in campo, molti calciatori della rosa partenopea stanno ritornando all’altezza, soprattutto la compagine azzurra ha ritrovato Milik. Peccato che forse non c’è tempo per tentare il recupero in Champions League.”

Maradona – “Maradona è arrivato a dare al Napoli quello che forse nessun altro calciatore riuscirà ad offrire. Maradona in azzurro ha fatto letteralmente la differenza nonostante la presenza di altri campioni.”

Lo scambio – “Paquetà ha iniziato male ma adesso si sta adattando al calcio italiano, mentre Milenkovic è un centrale di gran classe, pertanto in caso di scambio bisognerebbe trovare un difensore di gran valore. La Fiorentina stava rischiando di lottare per evitare la retrocessione, per fortuna che ci sono squadre più deboli.”

Ribery – “Ribery è un giocatore di esperienza, un punto di riferimento per tutta la Fiorentina, bisogna capire dopo quanto accaduto se il francese vorrà andare via per un posto che reputa più tranquillo. Credo che il transalpino ambiva ad una Fiorentina più competitiva, personalmente lo reputo un calciatore straordinario che può giocare ovunque.”

Articolo precedenteRampulla: “Donnarumma erede di Buffon. Sarri? Con i grandi campioni è più difficile affermarsi”
Articolo successivoInacio Pià: “Insigne top player. Napoli, trattieni Milik. Everton Soares? Solo se parte Lozano…”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui